Lun09162019

Last update09:34:20

Back Cronaca Cronaca

Cronaca

Basta ai sequestri di Stato

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Basta sequestri di StatoTrento, 14 settembre 2019.Redazione

Si è svolta, questa mattina, come da programma la manifestazione voluta da Gabriella Maffioletti, che da anni si occupa di minori.

Sabato e domenica appuntamenti al Museo con famiglie e amanti della Storia

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Castello di RoveretoDomani con i bimbi tra torrioni e cunicoli, domenica per scoprire cimeli storici

Rovereto (Vallagarina - Trentino), 13 settembre 2019. Redazione*

È doppio l'appuntamento in calendario al Museo della Guerra di Rovereto per il fine settimana dal. Domani (ore 15.00) la proposta rientra nelle attività dedicate alle famiglie con bambini tra i 6 e i 10 anni. Si tratta di un percorso guidato per scoprire torrioni, cunicoli e cannoniere del Castello di Rovereto, conoscere le esposizioni del Museo della Guerra e capire come vivevano i soldati dal Medioevo alla Prima guerra mondiale. Il costo per i bambini dai 4 anni in su è di 3 € mentre per gli adulti accompagnatori 5 €. Gratuito per i soci del Museo; per i possessori del biglietto annuale è previsto un piccolo omaggio. La durata è di un'ora e un quarto circa.

Inaugurato oggi a Trieste Il Monumento a Gabriele D'Annunzio

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Trieste-statua-dannunzioTrieste, 12 settembre 2019.Redazione

L'inaugurazione del monumento a Gabriele D'Annunzio oggi a Trieste, nel centenario dell'"Impresa di Fiume", ha sollevato le scontate reazioni del PD e quelle altrettanto scontate della Repubblica di Croazia.

A breve il processo per i responsabili del Caseificio di Coredo

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Nas IspezioniIn condizioni gravissime un bambino che aveva mangiato il formaggio «Due Laghi» prodotto e commercializzato dal Caseificio di Coredo

Cles, 12 settembre 2019. - Redazione

Nuovo rinvio a giudizio per il "duo" Lorenzo Biasi presidente del caseificio di Coredo e Gianluca Fornasari casaro, nonché responsabile dell'autocontrollo. L'imputazione è stata formulata dalla p.m. Maria Colpani, che ha ritenuto (per la seconda volta), dopo le indagini svolte dai Carabinieri dei Nas, siano emersi elementi sufficienti per sostenere l'accusa.

I due avrebbero violato l'articolo 5 della legge 283 del '62, in particolare per il Biasi perché nella sua qualità di presidente avrebbe immesso sul mercato formaggi contaminati da cariche microbiche superiori ai limiti di legge (Stec e escherichia coli).

Per quanto riguarda il Fornasari, la Procura ipotizza che avrebbe omesso di richiedere adeguati controlli e di richiedere di effettuare ispezioni sul campo al fine di verificare le condizioni igieniche delle stalle dei conferitori (inoltre successivamente all'evento non provvedeva al ritiro cautelativo del prodotto).

Ulteriormente, i due non avrebbero ottemperato alla disposizione impartita dall'Unità operativa Igiene e sanità pubblica veterinaria di Cles del 30 giugno 2017, con la quale si imponeva al presidente del caseificio sociale di Coredo di effettuare un richiamo agli allevatori per una più corretta applicazione di una procedura di pulizia e disinfezione di mungitura e delle operazioni collegate.

Gli imputati, difesi dall'avv. Gaetano Forte del foro di Ferrara dovranno comparire nelle prossime settimane davanti al Tribunale di Trento.

Il provvedimento è stato notificato anche alla parte lesa, cioè al papà (che esercita come genitore la patria potestà) del bambino colpito da Escherichia coli, il quale avrà la facoltà di costituirsi parte civile.

I controlli sul caseificio da parte dell'autorità sanitaria e il successivo sequestro del lotto effettuato dai Carabinieri del Nas, erano scattate nell'estate del 2017 quando il piccolo (che oggi ha 6 anni) si era sentito male dopo avere mangiato del formaggio prodotto ed acquistato presso il caseificio di Coredo.

Il bambino riportò gravi danni; è tuttora in cura in condizioni gravissime. Sulle modalità con cui ha contratto l'infezione è in corso una indagine penale della magistratura, che si muove su una ipotesi di lesioni personali gravissime.

La svolta giudiziaria era nell'aria anche in conseguenza dell'insolito e tardivo "richiamo" inviato agli allevatori/soci del caseificio di Coredo datato 27 agosto 2019, nel quale il presidente invitava a prestare la massima attenzione agli aspetti igienici in stalla, di cui avevamo dato notizia negli scorsi giorni (ndr Prodotti caseari con latte crudo: enfatizzate le qualità, sottaciuti i pericoli per la salute).

Ci risulta, inoltre, un'azienda zootecnica di un paese vicino al comune di Predaia, nonché conferitrice del latte presso in caseificio di Coredo, sia stata recentemente "visitata" dagli ispettori..

Non sappiamo se sia solo una coincidenza, rientrando quell'ispezione nella normale e generale attività di prevenzione, ma se non lo fosse, perché quella azienda sia coinvolta in qualche modo nel dramma del piccolo bimbo, ne daremo notizia come abbiamo sempre fatto per questa drammatica vicenda. 

Un nuovo parcheggio in via Fersina con 147 stalli a fianco della nuova rotatoria

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Rotatoria ViaFersinaTrento, 11 settembre 2019. - Redazione*

L'intervento prevede la realizzazione di un parcheggio di 147 posti auto dotato di impianto di illuminazione, sistema di videosorveglianza e di arredo a verde in via Fersina all'altezza della nuova, grande rotatoria.

Distretto del Po contro il dissesto: oltre 94 milioni€ per una sessantina di progetti

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Meuccio BerselliLa ricognizione anti-dissesto fatta nei mesi scorsi dall'Autorità Distrettuale del Po con gli enti territoriali del comprensorio ha trovato straordinaria approvazione ministeriale già dopo i primi giorni d' insediamento del nuovo Governo prontamente intervenuto

Parma, 8 settembre 2019. – di Andrea Gavazzoli*

Dopo le diverse Conferenze dei Servizi locali e grazie alla generale e capillare ricognizione pianificata e realizzata dall'Autorità Distrettuale del Fiume Po nei mesi scorsi, in stretta collaborazione con gli enti territoriali locali Regioni, Province, Comuni, Commissari per le emergenze e Commissari Straordinari dell'intero comprensorio il Ministero dell'Ambiente – proprio all'indomani della conferma del nuovo esecutivo – ha approvato e soprattutto finanziato per firma del Ministro Sergio Costa l'insieme dei progetti strategici presentati dal Distretto del Po. All'interno dei confini del Distretto del Fiume Po sono una sessantina i progetti finanziati per un totale di oltre 94 milioni di euro: Lombardia 22, Veneto 5, Marche 1, Liguria 1, Piemonte 21, Emilia Romagna 10.

Bibbiano, Reggio Emilia, Val d’Enza e altri luoghi

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Striscione-bibbianoRovereto, 7 settembre 2019. - di Guerrino Soini

La nostra società, intorpidita da mille distrazioni, si lascia scivolare addosso qualunque cosa, anche la più lurida. Non vedo nulla di più sporco della speculazione che sembra venire a galla nella questione della gestione degli affidi (sembra derivanti da allontanamenti, dal nucleo familiare, quantomeno sospetti da parte della Magistratura Minorile su sollecitazione dei Servizi Sociali) ma la gente comune preferisce distrarsi con le porcherie che propina la TV generalista, evitando accuratamente di prendere coscienza dei problemi di questa società nella quale, pure, conduce la propria vita, non esitando a lamentarsi, con ampi schiamazzi, se la partita di pallone non va in onda sulla RAI.

Un parco per il Magnete, a primavera via ai lavori

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Parco Magnete1Tremila metri quadrati in via Unterveger ospiteranno giochi per bambini, aiuole,una fontana e una piastra per la pallavolo. Sarà completata la ciclabile

Trento, 6 settembre 2019.Redazione*

La Giunta comunale ha dato il via libera al progetto di sistemazione delle aree verdi di via Unterveger in località Magnete. Il progetto prevede la sistemazione a verde pubblico, per offrire un'area di aggregazione ai residenti dei complessi abitativi circostanti, dove risiedono più di 800 persone.

I confinati in Trentino

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

confinatiAssurda situazione degli ATA nelle autonomie

Trento, 5 settembre 2019. - Redazione*

Una vicenda emblematica per dare un'idea degli effetti aberranti e paradossali che creerebbe la regionalizzazione del sistema scolastico italiano. Una situazione che ricorda "il confino" di altri tempi.

Banner