Dom06242018

Last update06:40:00

Back Cronaca Cronaca Cronaca Trento Torna alla ribalta il Caseificio di Coredo, mentre non sono ancora concluse le indagini a suo carico

Torna alla ribalta il Caseificio di Coredo, mentre non sono ancora concluse le indagini a suo carico

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Il Comune di Predaia affida al Caseificio la fornitura di «generi alimentari-prodotti caseari» alla scuola materna di Vervò destando dubbi e preoccupazioni in alcuni genitori

Cles, 8 giugno 2018. - Redazione

Ci siamo occupati, nei mesi scorsi, di un grave episodio avvenuto all'inizio della scorsa estate (2017), quando un bambino della Valle di Non, ricoverato in ospedale, presentava i sintomi di una infezione intestinale causata da Escherichia coli, lo stesso batterio rintracciato nelle forme di formaggio sequestrate nel Caseificio di Coredo.

L'azienda casearia è sotto indagine dei carabinieri del NAS, nell'abito dell'inchiesta condotta dal pubblico ministero Maria Colpani.

Nel mirino sono finiti il legale rappresentante (Presidente) dell'azienda, 35 anni, trentino e il responsabile del sistema di auto controllo, 45 anni, residente in Trentino. I due sono indagati per violazione dell'articolo 5 lettera C della legge 283 del '62 che disciplina la produzione e la vendita di sostanze alimentari e bevande, in quanto hanno commercializzato prodotti «con cariche microbiotiche superiori ai limiti».
Nel mirino è finito un particolare tipo di formaggio prodotto e venduto dall'azienda/cooperativa "nonesa".

Siamo stati i primi e gli unici a pubblicare il nome del caseificio "galeotto", appena ne siamo venuti a conoscenza, per ovvii motivi di trasparenza, di tutela della salute e di garanzia delle aziende casearie che nulla c'entrano con la vicenda.

Nei giorni scorsi il Caseificio di Coredo è tornato alla ribalta. Un quotidiano " ha denunciato" che un.... "Comune" (perché non viene menzionato? perché l'articolo è pubblicato in cronaca di Trento e non in cronaca della Val di Non?) non meglio specificato aveva affidato all' "indagato" caseificio l'incarico di fornire alla mensa della locale scuola materna (Vervò) generi alimentari - prodotti caseari. Eppure dalla determina che di seguito citiamo sono identificati tanto il Comune quanto il Caseificio!

Si tratta della determina n. 19 del 7 maggio 2018 (1) che ha reso possibile l' "affidamento a trattativa privata" con l' "indagato" caseificio perché ritenuto idoneo (sic!), qualifica questa necessaria dalla normativa vigente. (La determina del Comune di Predaia cita testualmente:" Rilevato che a sensi dell'art. 21 della L.P. 19.7.1990, n. 23, 2° comma, lettera h) e 4° comma, qualora l'importo contrattuale non ecceda 46.400,00 Euro il contratto può essere concluso mediante trattativa privata con il soggetto o la ditta ritenuti idonei.)

L'affidamento all' "indagato" Caseificio di Coredo della fornitura di generi alimentari-prodotti caseari ha generato in alcuni genitori preoccupazione e dubbi sull'opportunità di tale scelta. Più di qualcuno si è chiesto, infatti, se non fosse stato il caso di attendere, per una più che elementare valutazione precauzionale, la conclusione delle indagini prima di affidare un così delicato incarico (quello dell'alimentazione dei bambini), "certificando" invece l'idoneità di un'azienda sotto inchiesta che ha procurato gravissime lesioni al bambino e conseguenze inenarrabili ai suoi familiari.

Per questo, la Magistratura sta indagando sulle responsabilità del legale rappresentate (presidente) del Caseificio e del suo responsabile alla sicurezza.

Sappiamo, inoltre, che la Procura di Trento ha chiesto una proroga per le indagini, mentre i Carabinieri del Nas stanno indagando sulle gravissime condizioni sanitarie del bambino, acquisendo le cartelle cliniche degli ospedali in cui il piccolo è stato ed è ricoverato.

Ci risulta inoltre che i Nas abbiano visitato la Sede del Trentingrana/Concast dove è stata trattenuta importante documentazione, mentre i militari dell'Ama, sempre nei giorni scorsi, sono nuovamente tornati al Caseificio di Coredo per acquisire altro materiale per le indagini.

Inoltre, nei giorni scorsi, il consiglio di amministrazione dell'azienda di Coredo ha riconfermato alla presidenza l' "indagato" Lorenzo Biasi, mentre l'assemblea dei soci del Concast/Trentingrana, lo ha eletto nel suo consiglio di amministrazione.

Infine, solo per la statistica, al Caseificio di Coredo arriva anche il latte dell'ex Caseificio di Lover, necessario per mantenere la produzione di 120 q.li giornalieri di cui circa l'80% è destinato a Trentingrana mentre il rimanente 20% viene trasformato in altri formaggi destinati alla vendita nel negozio annesso all'azienda e nelle famiglie cooperative della valle.

(1) determina n. 19 del 7 maggio 2018 del Comune di Predaia

Torna alla ribalta il Caseificio di Coredo, mentre non sono ancora concluse le indagini a suo carico

Chi è online

 169 visitatori e 1 utente online