Gio10182018

Last update03:17:02

Back Cronaca Cronaca Cronaca Trento Maffioletti:« La Cassazione mi restituisce giustizia, per troppo tempo negata»

Maffioletti:« La Cassazione mi restituisce giustizia, per troppo tempo negata»

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

Trento, 28 luglio 2018.Redazione

Questa mattina, come avevamo anticipato, Gabriella Maffioletti, nella conferenza stampa all'Hotel Everest ha spiegato le ragioni della Cassazione che ha annullato le sentenze di condanna pronunciate dalla magistratura trentina per il reato di diffamazione commesso dalla medesima Maffioletti nell'esercizio delle funzioni di consigliere comunale.

La Cassazione ha stabilito, adottando la formula di rito, che il fatto non costituisce reato. Le condanne dovranno essere valutate alla luce delle motivazioni della Suprema Corte, del cui approfondimento ci impegniamo fin d'ora.
Per la cronaca dell'intervento di Maffioletti, rinviamo all'articolo de "La Voce del Trentino".

Invece, pubblichiamo la dichiarazione che Gabriella Maffioletti ha rilasciato al nostro giornale, a margine dell'incontro stampa.

Ecco il suo commento.

."La sentenza, esemplare per le motivazioni in punta di diritto della Corte di Cassazione, oltre a restituirmi giustizia, troppo a lungo negata, sancisce il diritto-dovere del funzionario onorario della pubblica amministrazione di qualsiasi livello di esercitare il controllo verso chi governa.

L'assoluzione senza rinvio mi ripaga, dopo sei anni di sofferenza, per un reato mai commesso. Ho semplicemente esercitato con onore e lealtà, il mandato affidatomi dagli elettori, nel rispetto della legge e delle procedure. Di questo sono orgogliosa perché ho servito le Istituzioni con il cuore e passione, interpretando la politica come servizio, non lesinando tempo ed energie.

In questo momento di gioia desidero ringraziare i miei famigliari per il sostegno dimostratomi, lo studio legale di Modena che ha contribuito con grande professionalità alla redazione del ricorso alla Suprema Corte e pochi altri intimi amici, tra cui Claudio Taverna, ex consigliere regionale, che fin dal principio aveva creduto, forte della sua oltre che trentennale esperienza, nella correttezza del mio operato.

Del resto che dire. Sono stata lasciata sola anche dagli Organismi di garanzia del consiglio comunale e dalla classe politica comunale, minoranze comprese.

La sentenza non farà solo giurisprudenza. E' un forte e chiaro segnale per chi immagina la politica così come l'ho vissuta e praticata."

Maffioletti:« La Cassazione mi restituisce giustizia, per troppo tempo negata»