Ven08182017

Last update09:39:11

Back Cultura e Spettacolo Arte e Cultura Libri e Letteratura “Il charter a vela” di C. Pedrini (ed. Mursia)

“Il charter a vela” di C. Pedrini (ed. Mursia)

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Libri ricevuti

Verona, 15 aprile 2017. - segnalazione di Sergio Stancanelli

L'ufficio stampa dell'editore Mursia di Milano, che mi ha inviato il libro «con preghiera di recensione», e che non si prende mai il disturbo di dire grazie dopo che la recensione ha visto la luce ed il ritaglio gli è stato trasmesso, mi ha informato, con un comunicato stampa che ripete pari pari la nota pubblicata in ultima di copertina del libro, che l'autore è skipper e ha alle spalle dodici anni di navigazioni charter, senza però avere l'avvertenza di spiegarmi cosa significhino i termini «skipper» e «charter», i quali sino a prova contraria appartengono alla lingua inglese, e corrispondono in italiano alle parole «capitano » e «noleggiato».

In prefazione, si parla di charter velico e degli skipper, così come di tour operator, di leader, bare boat, crewed boat, cabin cruise, hostess: devo ammettere però che fra l'uno e l'altro di questi termini trovano posto anche parole in lingua italiana, pure la maggior parte delle volte non tendenti a specificare a beneficio del lettore il significato delle parole inglesi.

L'autore si chiama Carlo Pedrini e reca l'istesso cognome di quel Brunetto ch'era il direttore della filiale di Genova dell'Ing. C. Olivetti & C. SpA. negli anni Cinquanta e che, dopo essere stato ospite mio e di mia moglie a cena, l'indomani mattina mi trasferì a Trieste spezzando il filo della mia vita e costringendomi a tutt'altro itinerario. Il libro s'intitola "Il charter a vela", sottotitolo "Consigli e soluzioni", collana Manuali della Biblioteca del mare (pagine 168, euro 14), ed informa su che cosa non è il charter velico e su che cosa potrebbe essere, fornisce qualche cenno storico sulla navigazione da diporto, distingue il charter boat di lusso dal charter propriamente detto, il bare boat dal cabin cruise, e le charter company; espone i modelli di barca più usati e le differenze tra motoscafi e catamarani; infine, per una buona seconda metà del volume, si occupa dei vari skipper e dei vari equipaggi. Una appendice contiene la riproduzione di nove schede, per la decifrazione di qualcuna delle quali è necessario disporre di una potente lente d'ingrandimento.

Altrettanto indispensabili si presentano cinque pagine di glossario, che – in fine del volume – includono anche i termini «charter» e «skipper». In chiusura del libro l'autore simpaticamente ringrazia fra gli altri il mare, il vento e le divinità che vi sovrintendono. Anche più toccante la pagina iniziale, dove si legge «A mio padre che vive nel respiro del vento».

“Il charter a vela” di C. Pedrini  (ed. Mursia)
 

IN LIBRERIA

Guida alla gestione di portali Joomla!

A pochi interessa come realizzare un elaboratore di testi come Word, a molti interessa come realizzare un documento in modo professionale e corretto attraverso un determinato applicativo. 

ISBN: 978-1-4710-3450-3