Lun11202017

Last update01:30:40

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Parcheggi al Beauregard: carrozzeria a rischio

Parcheggi al Beauregard: carrozzeria a rischio

  • PDF
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 

Aosta, 20 marzo 2017. - di Giancarlo Borluzzi

Caro Direttore, a causa di una microfrattura a un dito mi sono recato due volte all'ospedale Beauregard, per i raggi e il ritiro della lastra, due volte sufficienti per appurare l'inaccettabile errore di chi ha disegnato gli spazi per il parcheggio a pagamento nella zona più elevata della prima area specifica che si incontra a sinistra arrivando da Aosta.

Non commento la decisione da fenomeni di richiedere pagamenti attorno a un ospedale ove in tante ore i posti disponibili sono inferiori al numero di auto, costantemente parcheggiate anche in modo improprio, senza colpa dell'automobilista che all'ospedale ci va per forza e non per svago.

Chi ha disegnato gli spazi blu di parcheggio ha dimostrato di non avere cognizione di quattro aspetti, e cioè: uno, le dimensioni delle auto in larghezza (se non sono utilitarie e con la moda dei 4x4 bisogna essere artisti per entrare equidistanziati dalle righe laterali); due, per uscire dal mezzo si devono aprire una o più porte senza rigare il bordo delle proprie e le fiancate delle due auto ai lati; tre, tante persone non si sono laureate in parcheggiologia a Yale, per cui, anche in quanto pensierose sulle ragioni del recarsi in ospedale, piazzano l'auto in posizione non centrale nell'area che dovrebbero occupare, se non addirittura sbordando nello spazio vicino fors'anche perchè altri non hanno fatto centro prima e quindi per sostare ci si deve arrangiare; tutto ciò non fa che peggiorare il punto precedente; quattro, come ho visto e come mi è stato anche detto dal personale dell'ospedale con cui ho parlato del dilettantesco inconveniente, dall'auto devono talora uscire signore in avanzato stato di gravidanza, incrementando in modo pericoloso quella che è spesso un'attività sportiva non ricercata, l'uscire cioè dall'auto in uno spazio impossibile.

A causa di tutto ciò, informo essere un ineludibile dovere civico di chi ha maldestramente disegnato gli spazi dei parcheggi porre rimedio ai suoi errori cancellando le righe blu attuali che un'auto parcheggiata dovrebbe trovare di lato (lasciando magari la linea blu superata dalla testa dell'auto entrando in uno spazio apposito) e ridisegnandole poi in modo da ridurre di qualche entità il numero di spazi a pagamento. Ho visto persone che non pagano il ticket per protesta verso i rischi che corrono e altre che piazzano selvaggiamente l'auto per non rischiare di far felice il carrozziere: chi ha disegnato gli spazi blu si sente di condannare costoro? Per pochi centesimi di solo auspicato maggiore introito comunale non si può far correre il rischio di pagare centinaia di euro a un carrozziere da parte dell'utente di un ospedale.

Parcheggi al Beauregard: carrozzeria a rischio