Sab12142019

Last update10:27:08

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori La crisi di governo

La crisi di governo

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Trento, 11 agosto 2019. - di Felice Antonio Vecchione*

Gentile Direttore, gli italiani già hanno votato il 4 marzo 2018. Punirono il PD e premiarono il M5S e la Lega. Il governo giallo-verde dei due vincitori era l'unico democraticamente possibile, oppure, se il M5S non se la fosse sentita, si doveva tornare a votare.

Ora "gli attori della politica" non freghino gli italiani con scuse balorde per non perdere le loro poltrone. Il PD al governo sarebbe tradire la volontà degli italiani, se l'avessero voluto ancora al governo come minimo gli avrebbero dato un 25% di voti. Si deve ritornare al voto massimo ai primi di novembre, ridare la parola agli italiani, formando coalizioni per il governo prima delle elezioni o indicandole per il dopo. Chi ha più filo tesserà, comunque avrà vinto la democrazia. In Italia la dittatura è impossibile senza un impossibile colpo di Stato.

*UN CITTADINO, NON UN POLITICO

Tel. 3477859135 – email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La crisi di governo

Chi è online

 510 visitatori e 1 utente online