Mar06182019

Last update10:27:56

Back Magazine

Magazine

Che cosa sanno gli alberi? Ai Colloqui di Dobbiaco “l'incanto e il tormento” delle foreste

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

forestaAperte le iscrizioni per l'edizione 2019 dello storico laboratorio di idee per una conversione ecologica, che torna dal 27 al 29 settembre nel centro dell'Alta Pusteria

Dobbiaco (BZ), 17 giugno 2019. - di Filippo Costantini*

Tra i vari temi, si parlerà di Wood Wide Web (l'internet della natura) e della campagna internazionale dei giovani attivisti di Plant for the Planet per piantare mille miliardi di nuovi alberi in tutto il mondo, delle conseguenze dei cambiamenti climatici nell'arco alpino e delle best practices internazionali nella gestione dei boschi.

Cerimonia in ricordo del carabiniere pilota Italo Urbinati, M.A.V.M. nella Grande Guerra

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Medaglia Aviatore UrbinatiAvio (TN), 13 giugno 2019. - Redazione*

Giovedì 6 giugno, a Piazzola sul Brenta (Pd) presso la Sala della Conchiglie del complesso di Villa Contariini, si è svolta la cerimonia per la consegna, da parte del Generale Roberto Segarizzi, di un ritratto del Carabiniere Pilota Medaglia d'Argento al Valor Militare alla Memoria Italo Urbinati, cui è intitolata la locale Stazione Carabinieri.

La Storia vive anche con i raduni

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Savoia Cavalleria3Monselice, 12 giugno 2019. – di Adalberto de' Bartolomeis

In una cornice di antica tradizione militare, che oggi, purtroppo, spiace avere la percezione, ma anche la consapevolezza che passerebbe per desueta, perché per molti, non esito a pensare, la riterrebbero anche inutile, il 7 ed 8 giugno di quest'anno si è svolto a Merano l'ottavo raduno annuale di veterani con addirittura la presenza di un paio di reduci di un vissuto che si allontana sempre più da quel secondo conflitto mondiale.

Le studentesse del liceo Scholl attrici per un giorno a Kempten

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento SophieSchollTheaterGruppe14 giovani attrici ospiti della cittadina bavarese gemellata con Trento

Trento, 10 giugno 2019. - Redazione*

Un gemellaggio tra città si mantiene vivo anche con la partecipazione attiva agli eventi più sentiti delle rispettive tradizioni e da questo punto di vista senza dubbio il gemellaggio di Trento con la tedesca Kempten, sottoscritto 32 anni fa, viene adeguatamente onorato.

Protezione delle risorse idriche: a Vienna la firma dell'accordo per l'Europa

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Foto Firma Meuccio Berselli

Il Segretario del Distretto del Po Berselli (nella foto) in rappresentanza dell'Italia sottoscrive l'Intesa

Vienna (Austria), 5 Giugno 2019. Redazione*

Nel 2019 la Giornata Mondiale dell'Ambiente – che su scala globale vede una sensibilizzazione alle politiche e alle azioni per ridurre gli inquinanti dell'aria (#BeatAirPollution) – registra una altrettanto rilevante e concreta azione volta a migliorare la tutela delle acque. A dimostrazione dell'attenzione diffusa per questa risorsa naturale esauribile e dunque bisognosa di difesa sia sotto il profilo della qualità che della quantità è stata siglata poche ore fa a Vienna una importante intesa continentale per incrementare in ogni modo possibile la difesa della risorsa idrica nel distretto dell'Europa Centrale.

«Il cammino delle terre comuni», 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Locandina Convegno Domini Collettivi1Trento, 5 giugno 2019. - Redazione

Sabato 8 giugno p.v. si svolgerà nella sala consiliare del Comune di Tarquinia, organizzato dalla Società Tarquiniense d'Arte e Storia, il 1° Convegno Nazionale sui Domini Collettivi "Il cammino delle terre comuni".

Il Trentino e la sicurezza sulle strade

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Attenzione prudenzaOsservatorio Continental sulla sicurezza stradale 2019. Rispettosi del codice della strada, sono gli italiani che si sentono maggiormente sicuri in bicicletta e temono di più i pedoni

Trento, 4 giugno 2019. - Redazione*

Responsabili quando guidano e rispettosi delle regole indipendentemente dalla presenza di un controllo (76,5%), ritengono l'automobile ancora indispensabile (70,5%) anche se usano spesso i mezzi di trasporto pubblici di superficie come tram e bus (12%), la bici (6%) e lo scooter (6%) per gli spostamenti quotidiani; sono gli italiani che si sentono più al sicuro quando si muovono in bici (il 16,7% rispetto all'1,6% nazionale) ma il timore maggiore in strada rimane quello di essere investiti o avere incidenti (68,6%): questo è il ritratto degli utenti che popolano le strade del Trentino secondo l'Osservatorio Continental sulla Sicurezza Stradale 2019 [1], realizzato in occasione del Giro d'Italia 2019 da Continental Italia con l'istituto di ricerca Euromedia Research.

In qualità di Safety Sponsor della 102esima edizione del Giro, Continental ha voluto fotografare il vissuto, le percezioni, i valori e le aspettative di chi ogni giorno si sposta sulle strade delle regioni italiane con l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della condivisione della strada in sicurezza partendo proprio dai ciclisti, la categoria tra le più penalizzate all'interno dei contesti urbani.

In una regione come il Trentino dove ogni mille abitanti ci sono 1.266 veicoli, sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza di adottare comportamenti sicuri su strada risulta fondamentale – spiega Alessandro De Martino, AD di Continental Italia – Condividere la strada in sicurezza è un diritto di tutti, siano essi pedoni, ciclisti, motociclisti, automobilisti o autisti di mezzi pesanti".

L'Osservatorio evidenzia che il 76,7% degli utenti della strada in Trentino si sente abbastanza sicuro di sé stesso e delle proprie capacità alla guida mentre il 6% molto (per un totale positivi dell'82,7%); la maggior parte non percepisce sé stesso come un pericolo per gli altri definendosi un guidatore "rispettoso delle regole indipendentemente dalla presenza di controlli" (76,5%) anche se il 12% ammette di non esserlo sempre e l'8,8% di non rispettare mai le principali regole.

Rispettare il codice della strada? Per il 41,3% significa compiere un atto di responsabilità verso sé stessi e verso gli altri utenti della strada, ma per il 23,3% è solo un comportamento per evitare di incorrere in sanzioni.

Gli abitanti del Trentino cosa ritengono importante per la sicurezza stradale? Sono gli italiani che danno più importanza ai freni (23,3% rispetto al 9,7% nazionale) ma il guidatore rimane comunque l'elemento principale (il 61,3%). La sicurezza quindi dipende principalmente dalla distrazione di chi sta alla guida (23,3%) e dalla disattenzione di autisti di auto, moto e camion (23,3%) anche se i pedoni che trasgrediscono le regole stradali giocano un ruolo fondamentale per ben il 17,4% (la percentuale più alta in Italia).

Per arrivare ad avere sulle strade una maggiore sicurezza stradale, il 41,2% degli intervistati ripone fiducia nei guidatori e nel loro senso di responsabilità, il 17,3% conta su una presenza più estesa delle Forze dell'Ordine su strade e autostrade, mentre il 18,1% si affida alle aziende che producono automobili e pneumatici attraverso la costante evoluzione di tecnologie in grado di dar vita a nuovi sistemi che aiutino a frenare per tempo e in maniera efficace, a sistemi per il controllo della stabilità in caso di frenata, a sensori di rilevazione della stanchezza. Infatti i trentini e gli altoatesini sono gli italiani che si curano maggiormente dei sistemi di sicurezza e di alert affidabili in grado di evitare incidenti, ritenuti elementi fondamentali sui mezzi di trasporto "personali" del futuro (70,5%).

La sicurezza stradale, secondo la percezione degli intervistati, dipende quindi principalmente da chi è al volante. Un dato che accomuna tutta l'Italia e che trova conferma nei dati Ocse secondo cui il 93% degli incidenti stradali deriva dal comportamento di chi è al volante, confermando così quanto sia necessaria un'opera di sensibilizzazione sui temi della sicurezza e della condivisione della strada.

_________________________________________________________

[1] METODOLOGIA - la ricerca si è avvalsa di 2.000 interviste realizzate con metodologia mista CATI E CAWI su un campione rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Il campione è stato determinato attraverso una stratificazione proporzionale multipla, basata sui caratteri di sesso, età e area di residenza.

* comunicato

Convegno Itinerante: Geo_MATERA2019: Ambiente, Territorio e Recupero del Costruito

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

12-13-14 Giugno 2019 - BASILICATA

Locandina Convegno Matera 2019Matera, 4 giugno 2019. Redazione*

Dal 12 al 14 giugno 2019 si svolgerà in Basilicata il Convegno Itinerante Geo_Matera_2019: Ambiente, Territorio e Recupero del Costruito, distribuito su tre aree geografiche della Regione Basilicata.

Torna l’appuntamento con la “Giornata nazionale delle Pro Loco”: il 2 giugno oltre 350 eventi

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

GNPL 2019 FiavèA Fiavè si partecipa alla caccia al tesoro in bicicletta

Trento, 2 giugno 2019. - Redazione*

I 600mila volontari e le 6200 Pro Loco d'Italia domenica 2 giugno celebrano la seconda edizione della "Giornata nazionale delle Pro Loco": una grande iniziativa diffusa, promossa dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia (UNPLI), che attraversa e coinvolge l'intera penisola e che vede un calendario di oltre 350 eventi, dalle aperture delle sedi di Pro Loco, alle visite ai beni culturali locali, agli spettacoli e molto altro.

Banner