Sab12142019

Last update10:27:08

Back Magazine Magazine Energia ed Ecologia Symposium 2019 sulle aziende trentine

Symposium 2019 sulle aziende trentine

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Dall'igiene ambientale all'energia eolica, ecco le 15 migliori aziende trentine. Mazza: «efficienza e innovazione, noi a fianco delle imprese del territorio»

Trento, 1 dicembre 2019.Redazione*

I dati della ricerca «Eccellenze del Nord Est» presentati durante l'assemblea dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Trento e Rovereto al Centro Interbrennero Miorelli Service, VRG Wind e Daunia Calvello ai primi posti secondo l'Indice Sintetico di Performance. Fatturato top per Findolomiti Energia con 1,4 miliardi di euro.

L'azienda multiservice Miorelli fra le grandi, l'energia eolica di VRG Wind fra le medie, i servizi elettrici di Daunia Calvello fra le piccole. Sono le tre migliori aziende trentine nelle tre categorie di dimensione: lo certifica l'Indice Sintetico di Performance (ISP) che fotografa le performance aziendali in base alle condizioni patrimoniali, finanziarie e reddituali degli ultimi 5 anni. A livello di fatturato svetta Findolomiti Energia con 1,4 miliardi di euro, seguita da Acciaierie Venete con 1,1 mld.

La ricerca «Eccellenze del Nord Est» è stata presentata a margine dell'assemblea ordinaria dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto, che si tenuta oggi venerdì 29 novembre al Centro Congressi Interbrennero. L'analisi - curata da un gruppo di lavoro composto dai 13 Ordini del Nordest e un team dell'Università Ca' Foscari di Venezia e presentato in assemblea da Raffaella Ferrai, vicepresidente dell'Ordine di Trento e Rovereto - ha permesso di analizzare lo stato di salute delle aziende trentine.

"L'analisi certifica il buono stato di salute dell'economia trentina – commenta Pasquale Mazza, presidente dell'Odcec Trento e Rovereto –, con aziende capaci di coniugare efficienza e innovazione, pur muovendosi in un contesto normativo nazionale complicato, che certo non aiuta, anzi spesso scoraggia, lo spirito imprenditoriale. Ed è sempre più cruciale, per le aziende, la consulenza qualificata dei dottori commercialisti, professionisti in continuo aggiornamento, in grado di cogliere le esigenze di chi fa impresa, aiutando così la crescita di realtà solide e radicate sul territorio. In un'epoca nella quale sempre più spesso si parla di intelligenza artificiale e tecnologia, noi commercialisti vogliamo sottolineare l'importanza della consulenza. Continueremo a camminare e crescere insieme, al fianco del mondo imprenditoriale trentino".

I risultati della ricerca

GRANDI IMPRESE: L'azienda di Mori Miorelli Service, che si occupa tra le altre cose di igiene ambientale, movimentazione merci e manutenzione del verde, è in testa alla classifica basata sull'ISP delle grandi imprese: con 615,54 punti precede di poco Novareti, società del Gruppo Dolomiti Energia leader territoriale nella distribuzione di gas naturale (609,25), mentre al terzo posto si piazza (603,59) Locauto Spa, con il noleggio di auto e furgoni. La top five della provincia di Trento si chiude con Adige al quarto posto (azienda che propone soluzioni per la lavorazione dei tubi, 601,94 punti) seguita da Autostrada del Brennero (600) al quinto posto.

MEDIE IMPRESE: Per le aziende di media dimensione svetta VRG Wind, produttore di energia eolica, con 638,79 punti, seguita da Bpa Italia, azienda che noleggia veicoli (619,17), Eurocoating, azienda di Pergine Valsugana leader nel rivestimento di protesi (605,29), Sogap, società multiservizi di smaltimento rifiuti (602,03) e Alto Garda Power, azienda che gestisce la centrale di cogenerazione combinata collegata a un sistema di teleriscaldamento della città di Riva del Garda, con un indice di 591,13.

PICCOLE IMPRESE: Daunia Calvello, società di servizi elettrici, guida la classifica per le piccole imprese con un indice di 655,33 punti. A seguire Essetia (644,90), impresa che si occupa di analisi chimiche e consulenze in campo ambientale, Lombarda Immobilservice (641,79), Acclaims, impresa che porta in outsourcing i servizi assicurativi (634,66) e La Primula (628,13).

LE TOP 10 PER FATTURATO: A livello di fatturato, in testa alla classifica trentina, c'è Findolomiti Energia (quasi 1,4 miliardi di euro) seguita da Acciaierie Venete (1,1 miliardi), Dana Italia (sopra il miliardo), Itas Mutua (855 milioni), Leaseplan Italia (745 milioni), Arcese Holding (671 milioni), Unifarm (565 milioni), Itas Vita (557 milioni), Acquafil (555 milioni) e Fb Poli (501 milioni).

La tavola rotonda

Fabrizio Franchi de L'Adige ha moderato una tavola rotonda di spessore. Achille Spinelli, assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia di Trento, ha sottolineato come l'indice di performance confermi da una parte che l'industria rimane fondamentale per l'economia trentina, evidenziando però buone performance anche per le medie imprese. "Siamo invece un po' più indietro, rispetto all'Alto Adige in particolare, per quanto riguarda le piccole medie imprese. Dobbiamo investire su capitale umano in termini di qualità e sulla ricerca, portando nelle aziende innovazione che dia efficienza e valore aggiunto al sistema economico".

Michele Andreaus, professore ordinario di Economia Aziendale dell'Università degli Studi di Trento, è andato in profondità dello studio: "Analizzando i numeri si denota che le imprese trentine sono leggermente più grandi di quelle altoatesine, ma hanno delle performance reddituali leggermente più basse. Più quantità che qualità. Invece una conferma: le aziende performanti sono quelle che tengono sotto controllo l'attivo corrente. Per migliorare dobbiamo fare sistema, perché consente di superare anche la piccola dimensione. Inoltre occorre uscire dalla comfort zone, assumendo il coraggio di mettersi quotidianamente in discussione e affrontare nuove sfide".

Pasquale Mazza, presidente dell'Odcec di Trento e Rovereto, ha ribadito come i commercialisti possano essere a fianco delle imprese, fornendo il proprio contributo nella valutazione della sostenibilità del business e nello sviluppo dell'attività imprenditoriale. Una consulenza di alto livello: "Le imprese che investono in innovazione sono quelle che esprimo i risultati migliori. E le imprese migliori sono quelle che retribuiscono meglio anche i propri dipendenti".

Stefano Nicolini, responsabile servizio finanza strutturata di Cassa Centrale Banca, ha disegnato un mondo bancario radicalmente cambiato negli ultimi anni: "Il regolatore impone delle norme sempre più severe nell'attribuzione di credito. Il sostegno alle aziende è finalizzato prima di tutto agli investimenti, ma anche per aiutare quelle imprese in difficoltà, ove vi siano delle prospettive di cambiamento positivo".

Ornella Riolfatti, direttrice generale Edizioni Centro Studi Erickson Spa e membro del consiglio generale di Confindustria di Trento, ha rilevato come si cerchi di valorizzare sempre di più il nostro territorio, rendendolo anche più appetibile. "Dobbiamo aiutare le aziende a stare qui, quindi sviluppare l'accoglienza, le reti con le istituzioni e l'università, i trasporti. E inoltre dobbiamo spingere sempre di più sulle risorse umane, accrescendo le loro competenze e responsabilizzandole".

Giovanni Cattani, amministratore delegato di Siemens Transformers Srl, ha puntato l'attenzione su quelle che sono state le chiavi del successo della sua azienda: "Per crescere grande attenzione è stata data alle persone (il cosiddetto capitale umano), che hanno portato in azienda un bagaglio umano e di competenze elevato. Inoltre ci siamo specializzati in una determinata gamma di prodotti esprimendo livelli di eccellenza. Ciò che va migliorato è l'aspetto di contesto: abbiamo bisogno di tempi certi da parte della pubblica amministrazione. È un gap che paghiamo rispetto all'estero".

• Comunicato dell'Odcec di Trento e Rovereto

Symposium 2019 sulle aziende trentine

Chi è online

 534 visitatori online