Lun08192019

Last update09:37:56

Back Magazine Magazine Economia ed Esteri Mercato immobiliare trentino, l’andamento del primo quadrimestre del 2019

Mercato immobiliare trentino, l’andamento del primo quadrimestre del 2019

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Cresce il numero delle compravendite in provincia di Trento – +12% nel primo quadrimestre dell'anno – ma i prezzi sono ancora lontani dal periodo pre-crisi

Trento, 17 maggio 2019. - Redazione*

Crescono le compravendite di immobili in provincia di Trento (+12% per l'Agenzia delle Entrate, +8% per il Collegio notarile di Trento e Rovereto, che registra però gli atti nel primo trimestre) ma il bicchiere è comunque solo mezzo pieno: i prezzi, infatti, sono ancora molto inferiori (fino al 50%) al periodo pre-crisi. In crescita il segmento delle aste immobiliari, settore sul quale cominciano ad affacciarsi, in qualità di consulenti, anche molti agenti.

Si è tenuta stamattina presso la Sala Giunta delle Associazioni di Confcommercio Trentino la presentazione dell'indagine sull'andamento del mercato immobiliare trentino condotta da FIMAA – Trentino, l'associazione aderente a Confcommercio Trentino che riunisce i mediatori ed agenti immobiliari della provincia di Trento. Alla presentazione c'erano, oltre al presidente FIMAA Severino Rigotti ed ai consiglieri dell'associazione, il presidente del Consiglio Notarile di Trento e Rovereto Orazio Marco Poma, ed i funzionari dell'Agenzia delle Entrate di Trento Paolo Borzaga e Luigi Del Rosso.

Compravendite in crescita: +11,9% per l'Agenzia Entrate, +7,97% per i notai

Dopo la frenata dell'ultimo quadrimestre del 2018, il mercato immobiliare torna a crescere. L'Agenzia delle Entrate segna infatti un +11,9% nel numero delle unità immobiliari vendute nel corso del periodo tra gennaio e aprile 2019 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente: «Dai 1.134 del 2018 – ha detto Paolo Borzaga dell'Agenzia delle Entrate di Trento – siamo passati ai 1.718 immobili residenziali trasferiti, con un incremento quindi di 184 unità. Un dato in linea con la crescita del 2018, anche al netto del rallentamento osservato in coda d'anno».

Anche il Collegio notarile di Trento e Rovereto segnala la stessa tendenza: «Nei primi tre mesi dell'anno – spiega il notaio Orazio Marco Poma, presidente del Collegio – l'attività notarile, nel suo complesso, ha segnato una crescita dell'1,2% a livello italiano. Per il Trentino – Alto Adige questo andamento è ancora più marcato, con una crescita del 2% alla quale contribuisce in maniera quasi esclusiva la provincia di Trento (+4%) rispetto a quella di Bolzano (+0,1%). Una crescita che si riscontra anche nel settore immobiliare: gli atti di compravendita di immobili residenziali, nei primi tre mesi dell'anno, sono stati 1.801, contro i 1.668 dello stesso periodo dell'anno precedente, equivalenti ad una crescita del 7,97%. Cala il mercato di terreni, uffici e altre pertinenze strumentali, dove gli atti sono passati da 915 (2018) a 887 (2019), ovvero -3,6%. Complessivamente, le compravendite sono passate da 2.583 del primo trimestre 2018 a 2.688 del primo trimestre 2019, cioè il 4,6%». «Una crescita – ha aggiunto il notaio – che si osserva anche negli atti di mutuo, passati dai 1.205 del 2018 ai 1.261 del 2019, segnando un incremento del 4,64%. Le donazioni, invece, sono calate del 4,82%, da 601 a 572, e riguardano per lo più terreni». «Questi dati sulle donazioni – ha spiegato Rigottipossono essere spiegati dal fatto che gli istituti bancari hanno difficoltà a concedere mutui per l'acquisto di immobili derivati da una donazione».

Aste, settore in espansione

Il notaio Poma ha fornito anche uno sguardo sul mercato delle aste immobiliari, in qualità di presidente di ANEAD, l'Associazione notarile esecuzioni e attività delegate per il Tribunale di Rovereto. Nei primi tre mesi dell'anno si sono registrate 56 aggiudicazioni, contro le 47 del 2018, pari ad valore di 5.647.000 di euro contro i 3.993.000 dell'anno precedente. «Esiste – ha spiegato il notaio – un notevole bacino di beni in esecuzione, per cui riteniamo che il trend sia confermato anche nei prossimi mesi». Un settore, quello delle aste, al quale si affacciano con sempre maggiore frequenza anche gli agenti immobiliari, in qualità di consulenti: «Il numero dei contenziosi legati alle compravendite – spiega Rigotti è incredibilmente alto: non affidarsi ad un professionista può esporre ad una serie di problematiche molto vasta. Per questo anche chi si rivolge al mercato delle aste oggi sempre più tende a considerare indispensabile una consulenza di un agente immobiliare».

L'importanza dell'Agente immobiliare

La progressiva specializzazione anche in qualità di consulente per le aste immobiliari è il segnale che certifica l'importanza della figura dell'Agente immobiliare: acquistare un immobile è un'operazione complessa che presenta numerosi profili di rischio ai quali prestare attenzione: «Anche noi, come federazione, registriamo un crescente interesse degli associati – spiega il presidente Severino Rigotti nei confronti del mercato delle aste. Soprattutto perché la figura dell'agente viene coinvolta come consulente grazie all'esperienza, alle conoscenze e alla sicurezza che il nostro ruolo può fornire in una trattativa importante come l'acquisto di una casa, un ufficio o qualsiasi altro immobile. In questi anni abbiamo assistito ad uno stravolgimento del mercato, che ci auguriamo sia esaurito nel 2017, quando abbiamo toccato il fondo soprattutto per quel che riguarda i prezzi. Ora ci ritroviamo con periodi di lenta ma positiva crescita che ci fanno ben sperare, anche se i prezzi sono drasticamente crollati: fino al 50%, mentre la crescita del nuovo – a fronte ancora di moltissimi immobili invenduti – cresce al massimo del 2% all'anno».

* comunicato

Mercato immobiliare trentino, l’andamento del primo quadrimestre del 2019
Banner