Ven11242017

Last update02:08:38

Back Magazine Magazine Eventi “Sociologia a Trento tra cesure e continuità”

“Sociologia a Trento tra cesure e continuità”

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Trento, 20 marzo 2017.Redazione*

Interessante convegno organizzato dal Diparimento di Sociologia e Ricerca Sociale, mercoledì 22 marzo p.v. (inizio alle ore 15.00) nell'Aula Kessler della Facoltà di Sociologia sul tema "Sociologia a Trento tra cesure e continuità".

Presiede il prof. Mario Diani, Direttore del Dipartimento, mentre la discussione sarà affidata ai sociologi

• Andrea Cossu, DSRS - UNITN
Fare Sociologia, fare i sociologi (1962-1968)
• Giuseppe Sciortino, DSRS - UNITN
Fare Sociologia oggi
• Luca Favarin, PERCORSO VITA ONLUS - Padova

L'affascinante archetipo dell'accoglienza dei migranti. Tra le opportunità e le insidie dei migranti

Dibattito e chiusura dei lavori

Sociologia a Trento tra cesure e continuità

A volte la Storia è sovversiva, soprattutto quando induce a riflettere sul presente per cui è scritta.
Il casuale ritrovamento di un documento dell'ultimo Principe Vescovo di Trento Celestino Endrici (1866-1940) datato 1898 ha stimolato la riflessione sul passato della Sociologia a Trento, città in cui venne fondato nel 1962 l'Istituto Universitario Superiore di Scienze Sociali, divenuto in seguito la prima Facoltà di Sociologia istituita in Italia. Da allora molti professori e studenti sono passati nelle aule di Via Verdi 26, dalla Facoltà all'attuale Dipartimento e una complessa memoria è stata elaborata, ma retrodatare le origini della Sociologia trentina impone l'ampliamento di questa storia, così da individuare la correlazione tra il passato del territorio e il suo divenire, assecondando la consequenzialità di eventi in cui società e cultura locale sono state e sono protagoniste.

Casimira Grandi

Evento organizzato nell'ambito delle attività di collaborazione tra l'Ateneo di Trento e il Polo Culturale Diocesano Vigilianum

* dal Diparimento di Sociologia e Ricerca Sociale

“Sociologia a Trento tra cesure e continuità”