Dom11182018

Last update05:38:15

Back Politica Politica e Società Politica Estera

Politica Estera

Passaporto e doppia cittadinanza: Lega & M5S approvano mozione di stampo andreottiano

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Giulio AndreottiBolzano, 30 settembre 2018. - di Alessandro Urzì

La mozione approvata da Lega e Cinque Stelle in Parlamento parla genericamente di un rischio potenziale per gli Italiani dell'Alto Adige che potrebbe derivare dall'eventuale approvazione della legge austriaca sulla cittadinanza di quel paese a cittadini italiani, di lingua tedesca e ladina.

Conte, basta pilatismo. Orban lo devi sostenere!

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

Orban & SalviniRoma, 13 settembre 2018. - di Francesco Storace*

È vile ogni tentativo di minimizzazione del voto con cui ieri la maggioranza del Parlamento europeo ha ignominiosamente proposto di sanzionare l'Ungheria e il suo premier.

Attenzione: guai in vista

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Tripoli LibiaMonselice, 4 settembre 2018. - di Adalberto de' Bartolomeis

Quanto sta accadendo in Libia è la naturale conseguenza di uno Stato spaccato in due, con l'obiettivo di formarne forse due, con un possibile appoggio politico-militare da parte di Emmanuel Macron, l'antinazionalista occidentale, così lui ha affermato di essere e Khalifa Haftar potrebbe diventare il nuovo "Gheddaffi" della situazione.

Narodniki – народники

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

NarodnikiLettera Numero: 733

Trento, 18 luglio 2018. - di Giorgio Maria Cambie

Il termine "populisti", con il quale vengono dispregiativamente indicati i movimenti contro l'establishment dell'Ue, è stato tradotto dal russo narodniki – народники – col quale nel tardo '800 venivano scherniti coloro che volevano "andare verso il popolo". I narodniki furono combattuti dallo zar e allora da movimento pacifico si trasformarono in terroristi: vi furono attentati, morti, esecuzioni. Schiacciati dal potere scomparvero, ma furono il seme del bolscevismo.

«Le President du Briscole»

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Emmanuel MacronMonselice, 25 giugno 2018. - di Adalberto de' Bartolomeis

Macron comanda, Macron si sente il Re Sole, Emmanuel Macron é "En Marche", ma dove? Verso un suo attacco isterico, da ragazzino, anche se all'ombra dei sui 40 anni, con la sua amata " nonna" Brigitte, non perde giorno per criticare, vessare, ficcare il naso negli affari governativi di altri, di chi, non certo a casa sua, sta tentando di fare il proprio dovere: il governo italiano.

La posta in gioco

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Giuseppe ConteLettera Numero: 729

Verona, 18 giugno 2018. - di Maurizio Simonato

Il nuovo governo ha ottenuto la fiducia in Parlamento ed ha iniziato la propria attività. Tra i primi passi la partecipazione ad incontri internazionali: il G7 in Canada e la riunione del Consiglio affari interni dell'UE a Lussemburgo.

La Francia offende l'onorabilità degli Italiani!

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Monselice, 14 giugno 2018. - di Adalberto de' Bartolomeis

Volano frasari da bassifondi ed epiteti da turpiloquio, che nelle bocche di persone completamente prive di senno, per conto di qualche sciagurato, portavoce del Presidente della Repubblica francese, compreso, poi, l'indisponenza di lui stesso, Emmanuel Macron per l'azione svolta dal governo italiano, concordata con le autorità spagnole, affinché per la prima volta, una nave stipata di migranti raggiunga lo Stato iberico e non l'Italia, dimostra nettamente il disprezzo verso l'Italia.

Non abbiamo troppe speranze: la direzione è verso un mondo di disperati

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Guerre UmanitarieMonselice, 2 maggio 2018. – di Adalberto de' Bartolomeis

Parlando di "competizioni muscolari" nella sempre più strana diplomazia politica internazionale, la cui logica è di difficile interpretazione da parte di chi tenta di improvvisarsi un semplice, attento osservatore, continua ad essere fatta di copioni visti e stravisti, dopo il secondo conflitto mondiale.

Vienna: La doppia cittadinanza agli altoatesini di lingua tedesca (e ladina), assurda provocazione!

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Vienna:  Alessandro Urzì in conferenza stampaVienna, 23 marzo 2018. - di Alessandro Urzì*

Nessuno spazio a posizioni revansciste, un chiaro pronunciamento contro ogni iniziativa, come quella del Governo austriaco sulla estensione della cittadinanza austriaca ai cittadini di lingua tedesca e ladina dell'Alto Adige, che divide la popolazione e non porta nulla in più di ciò che già l'autonomia, spesso anche in modo controverso, ha già portato.

Sulla "doppia cittadinanza" l'Austria gioco sul fuoco della (sua) ignoranza

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Karin KneisslBolzano, 1 marzo 2018. - di Alessandro Urzì*

L'Austria convoca i consiglieri provinciali di Bolzano a Vienna il prossimo 23 marzo per "uno scambio di opinioni sulla possibilità della estensione della cittadinanza austriaca in aggiunta a quella italiana per gli appartenenti ai gruppi linguistici tedesco e ladino in Alto Adige".

Sulla doppia cittadinanza dei “Sudtirolesi” proposta da Strache......

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Heinz-Christian StracheTrento, 20 febbrao 2018. - di Raoul Pontalti

«Plus haut mont le singe, plus il montre son cul» (più in alto sale la scimmia più mostra il suo deretano): l'aforisma di Montaigne viene sempre più spesso dimostrato attuale dai destricoli populisti di ogni paese, Austria compresa.

Trump e Putin

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trump PutinLettera Numero: 708

Verona, 23 gennaio 2018. - di Giorgio Maria Cambie

Rari sono gli avvenimenti correttamente riportati dalla stampa italiana che fa da cassa di risonanza a quanto scrive la grande e "attendibile" stampa d'oltreoceano, ferocemente opposta a Trump. Così in Italia si ha una visione distorta di quanto accade nell'economia americana.

E' segno del destino del tempi: odiare prima di uccidere

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Donald Trump attaccaMonselice, 9 dicembre 2017. - di Adalberto de' Bartolomeis

Donald Trump, già di suo, come si presenta, insomma, come suo madre e suo padre lo hanno fatto, risulta essere, forse, un po' eccentrico, ma non meno di altri sul Pianeta Terra. Sarà un po' rustico, un po' bizzarro, ma a me mi è simpatico, tanto più che non è un deficiente.

Un pazzo al secolo

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Trump KimMonselice, 26 settembre 2017. - di Adalberto de'Bartolomeis

Un tizio, senza motivo al mondo, ma la natura degli umani è anche questa, si sveglia, prima una mattina, poi ci prende gusto e lo fa tutte le mattine.

Le sberle dei cugini

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Emmanuel MacronLettera Numero: 687

Verona, 15 agosto 2017. - di Giorgio Maria Cambie

Ma che bravi sono i nostri cugini francesi! Con spirito europeista ci hanno rifilato ben due fregature in neanche un mese. Il loro giovane presidente Macron, beniamino dei radical chic, araldo di un nuovo sistema di fare democrazia ci ha subito affibbiato due sberle. Parliamo dell'idea di istituire senza consultarci dei "punti" (non "campi", per carità!) di concentramento per clandestini in territorio libico per effettuarne una cernita preventiva. E ciò, naturalmente, senza partecipazione degli Italiani.

Nazionalismo di ritorno

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Emmanuel MacronMonselice, 6 agosto 2017. - di Adalberto de' Bartolomeis

Più di qualcuno, molti, erano spaventati che la Le Pen potesse fare il suo trionfo come "prèmiere famme" all' Eliseo, ma mi sembra, ora che sia tutta l' UE a temere l' enfant prodige, il neo presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron. Lui non ha fatto altro che anteporre gli interessi francesi a quelli europei. Io penso che invece di stare lì a criticare, dovremo prendere appunti...

Macron: l'enfant prodige

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Emmanuel MacronAMonselice, 27 luglio 2017. - di Adalberto de' Bartolomeis*

Emmanuelle Macron, 38 enne, quindi, giovane, pieno di risorse, in tutti i sensi, lo potrei identificare, forse, come il Napoleone Bonaparte del XXI secolo, o è già lui che si identifica, emula il suo antenato predecessore? Con un colpo da maestro è riuscito a riunire la prima volta due antagonisti libici, due, di fatto, nemici, dopo la caduta di Gheddaffi, il generale tosto, non riconosciuto da un'intera comunità internazionale e l' ONU, Haftar ed Al Serraj, quest'utimo, riconosciuto, per il suo governo provvisorio ed in stretti rapporti con l' Unione Europea ed in particolare con il nostro attuale governo italiano.

Notizie da Trumplandia a cento giorni

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Donald TrumpLettera Numero: 678

Verona, 29 maggio 2017. - di Giorgio Maria Cambié

Col grande polverone sollevato dall'elezione di Trump per l'uomo della strada era difficile capire qualcosa. Non è che adesso sia molto più facile, ma la polvere si è un po' diradata e si comincia ad intravvedere qualche sagoma.

Globalisti e Sovranisti

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Globalisti SovranistiLettera Numero: 676

Verona, 17 maggio 2017. - di Diego Marchiori

Le elezioni presidenziali in Francia hanno confermato due fattori che nessun politico accorto può ignorare: a) ad ogni tornata elettorale non ci sono né vinti né vincitori; b) le categorie politiche ottocentesche sono al tramonto.

"Le fils du général"

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Emanuel Macron(Il figlio del generale)

Monselice, 9 maggio 2017. - di Adalberto de' Bartolomeis

Emmanuel Macron lo vorrei identificare, intanto, come un "rivoluzionario" della "Jeunesse" (giovinezza) della politica attuale, moderna ed impegnata, spero, al bene verso la collettività, non solo nazionale, ma anche internazionale. L' "enfant prodige", come lo hanno definito, ha colpito, per ora, al cuore di una Francia, che ha avuto i suoi morti, tanti, per trovarsi, purtroppo, sotto attacco, da parte di cellule estremiste islamiche che, imperterrito, continuano a minacciarla, sotto schiaffo di quella lugubre bandiera dell' Isis.

Qualcuno doveva intervenire

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Donald Trump attaccaMonselice, 8 aprile 2017. - di Adalberto de' Bartolomeis

Ecco che qualcuno doveva prendere una decisione ed agire. Non era possibile rimanere con la testa girata da un'altra parte, davanti ad atrocità che avevamo appreso dai libri di Storia, dai documentari e ancora da qualche reduce, sugli abomini perpetrati nel periodo bellico del primo conflitto mondiale e durante le "imprese" coloniali, facendo largo uso ed abuso di gas iprite e nervino.