Lun11202017

Last update01:30:40

Back Politica Politica e Società Politica Locale Stage a corsia preferenziale per presunti profughi. Niente di nuovo!

Stage a corsia preferenziale per presunti profughi. Niente di nuovo!

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Trento, 13 settembre 2017. - di Filippo Degasperi*

Qualcuno oggi si stupisce che le strutture finanziate dalla Provincia per gestire l'accoglienza contattino telefonicamente diverse società trentine, chiedendo di accogliere richiedenti asilo nei loro esercizi commerciali e di assegnarli allo svolgimento di stage pagati presumibilmente dalla Provincia.

Questa prassi, già di suo eclatante, è nota da mesi e nel nostro piccolo abbiamo provato a comprenderne le dinamiche interne. Due sono state le interrogazioni presentate dal Movimento 5 Stelle, l'11 aprile e il 26 maggio scorsi. La prima ha ottenuto risposta che conferma le segnalazione pervenuteci, mentre la seconda è inevasa, sebbene il termine per la sua trattazione sia scaduto il 28 giugno.

Ancora non abbiamo il piacere di sapere quali siano gli enti coinvolti, i corrispettivi del personale preposto per tali incarichi e i costi totali dell'operazione. Come molti intuitivamente penseranno, evitare di fornire i dati che abbiamo chiesto è la conferma che la Provincia si sta muovendo in maniera nascosta per non far trapelare nulla agli occhi dei cittadini.

Cittadini che inevitabilmente finiscono per essere di serie B e subire una vergognosa disparità di trattamento. Da un lato infatti non ci risulta che lo stesso zelo venga approntato per trovare opportunità lavorative ai residenti regolari. Dall'altro rileviamo che la Provincia attiva una corsia preferenziale per reperire opportunità stipendiate ai richiedenti asilo. A voi il giudizio.

* consigliere provinciale-regionale

Stage a corsia preferenziale per presunti profughi. Niente di nuovo!