Ven07202018

Last update09:24:40

Back Politica Politica e Società Politica Locale La solidarietà della Lega agli abitanti di Moena e della Val di Fassa

La solidarietà della Lega agli abitanti di Moena e della Val di Fassa

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Moena, 4 luglio 2018. - Redazione*

«Sono profondamente vicino a tutti gli abitanti di Moena e a tutta la sua comunità che conosco da tanti anni. Il primo messaggio è che Moena e tutta la Valle di Fassa hanno reagito in maniera esemplare e che la stagione deve continuare con un messaggio forte per tutti i turisti. Aiutarli concretamente oggi è il minimo. Senza voler agitare alcuna polemica strumentale, è tuttavia doveroso fare una riflessione e cercare di capire se una simile situazione poteva essere evitata mettendo in campo adeguati strumenti di prevenzione da parte della Provincia Autonoma di Trento.

Dobbiamo agire con investimenti maggiori nella prevenzione per evitare eventi simili a quelli che sono avvenuti nella giornata di ieri a Moena. È solamente la forza della natura o è forse necessario dover adottare delle misure preventive più poderose al fine di evitare disastri come questi che hanno messo in ginocchio l'intero Paese durante la stagione turistica? È troppo facile limitarsi alle frasi di circostanza per esprimere la propria solidarietà nei confronti degli abitanti di Moena e dei comuni limitrofi, mentre è più difficile iniziare ad affrontare concretamente il problema al fine di risolvere in tutti modi possibili il verificarsi di tali eventi che troppo spesso interessano il nostro territorio. Ritengo più utile studiare il problema delle "bombe d'acqua" e trovare degli efficaci strumenti preventivi e fondi sul territorio, piuttosto che investire quegli stessi fondi per curare. Da parte nostra la tutela del territorio sarà una priorità del nostro programma di governo

E' questo quando dichiarato in una diretta su facebook da Moena MIRKO BISESTI, segretario nazionale della Lega Trentino

La solidarietà della Lega agli abitanti di Moena e della Val di Fassa