Gio09202018

Last update05:11:06

Back Politica Politica e Società Politica Locale Contrordine “compagni” leghisti, Civettini riammesso

Contrordine “compagni” leghisti, Civettini riammesso

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Trento, 13 settembre 2018. - Redazione

Assume aspetti grotteschi la vicenda del consigliere Claudio Civettini, "espulso" sabato 8 settembre dal consiglio nazionale della Lega. La decisione di tener fuori dalla coalizione di centrodestra popolare autonomista il transfuga Civettini, era stata anticipata, con toni perentori, nelle settimane scorse, dal presidente Alessandro Savoi con un secco "no ai traditori".

Dopo il "faccia a faccia" di ieri tra Rodolfo Borga, presidente di Civica Trentina, e Maurizio Fugatti, sottosegretario alla salute e candidato presidente della coalizione di centrodestra popolare autonomista proprio sul "caso" Civettini, il veto su quest'ultimo, dato per scontato, non lo è più.

Infatti, mentre a suo tempo, l'on. Fugatti aveva dichiarato che sul "caso" Civettiini si sarebbe rimesso alla decisione del consiglio nazionale della Lega, ora il candidato presidente ha chiesto a Rodolfo Borga qualche giorno per un ripensamento: ciò significa che quel veto non è così granitico.

Fugatti avrebbe il tempo per "convincere" i leghisti "del ce l'hanno duro" che non si può perdere l'appoggio di una lista importante e di peso come Civica Trentina per vecchi rancori.

E allora, contrordine "compagni" leghisti, l'espulsione dell'ex leghista Civettini sarà annullata. D'altro canto, se l'esclusione di un candidato fosse motivata dal cambiamento di casacca, Civettini, sarebbe stato in buona compagnia di numerosi «traditori».

Altro articolo

«Les jeux sont faits»: Claudio Civettini non sarà candidato

Contrordine “compagni” leghisti, Civettini riammesso