Gio05252017

Last update10:22:22

Back Politica Politica e Società Politica Nazionale Il referendum veneto

Il referendum veneto

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Lettera Numero: 671

Verona, 7 marzo 2017. - di Paolo Danieli*

Il referendum per l'autonomia del Veneto è una novità assoluta. E' la prima volta in 70 anni di Repubblica che una regione si attiva, con tanto di autorizzazione della Corte Costituzionale, per interpellare i cittadini circa la loro volontà di ottenere un'autonomia particolare, come già ce l'hanno altre cinque regioni. E già questo è un fatto politico rilevante, perché dimostra al di là di ogni ragionevole dubbio che la questione dell'autonomia è ancora viva e non è stata ficcata in qualche cassetto della memoria, come speravano i sostenitori del centralismo dopo la bocciatura referendaria del 2006 della "Devolution", che per chi non lo ricordasse è la riforma costituzionale di stampo federalista approvata dal governo Berlusconi.

Il tempo passa, ma i Veneti non si rassegnano. Quelli di ieri come quelli di oggi sentono la necessità di gestirsi da soli svincolandosi il più possibile da Roma, perché di tasse e burocrazia non ne possono più. E questo al centro l'han capito. Perciò cercano di ritardare e ostacolare il pronunciamento del popolo veneto che sanno sarà massicciamente favorevole all'autonomia. Longa manus del Ministero degli Interni, controllato dalla sinistra, sono le Prefetture. Vedremo se, così solerti nel distribuire gli africani irregolari in questo o quel comune, lo saranno altrettanto nel collaborare col governo regionale nell'organizzazione del referendum.

Ma la novità di questo referendum è anche un'altra. E' la prima volta che una regione si confronta con lo stato, la periferia con il centro, il popolo con l'establishment, chi sta sotto con chi sta sopra, la gente comune che lavora e paga le tasse con un apparato statale fra i più voraci del mondo. Si tratta, in scala minore, di quello che sta avvenendo un po' in tutto l'occidente, dove perde sempre più senso il confronto fra destra e sinistra e si afferma quello fra alto e basso, fra popoli e oligarchie finanziarie. Esattamente com'è accaduto con Brexit, con Trump, con Orban, con Hofer e con Marine Le Pen. E' in questo contesto che va inquadrato il referendum veneto ed è alla luce della contrapposizione fra popolo e potere che va spiegata anche la congiura del silenzio che punta a non far sapere alla gente che fra qualche mese il referendum si farà.

* già senatore della repubblica

Il referendum veneto
 

IN LIBRERIA

Guida alla gestione di portali Joomla!

A pochi interessa come realizzare un elaboratore di testi come Word, a molti interessa come realizzare un documento in modo professionale e corretto attraverso un determinato applicativo. 

ISBN: 978-1-4710-3450-3