Lun11202017

Last update01:30:40

Back Politica Politica e Società Politica Nazionale La commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche ferma al palo!

La commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche ferma al palo!

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Trento, 7 settembre 2017. - di Claudio Taverna

Il presidente della repubblica ha promulgato la legge sull'istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario lo scorso 12 luglio 2017 (GU n. 162 del 13 luglio 2017) in vigore dal 28 luglio 2017.

La commissione in parola, istituita con "particolare riguardo alla tutela dei risparmiatori" è composta da 20 senatori e da 20 deputati, nominati rispettivamente dal presidente del senato della repubblica e dal presidente della camera dei deputati in proporzione al numero dei componenti dei gruppi parlamentari.

La commissione "procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell'autorità giudiziaria"

Questo è previsto nei primi articoli della legge.

Di fatto i partiti avrebbero dovuto indicare entro 7 giorni dal 28 luglio scorso, cioè il 3 agosto, i propri rappresentanti. mentre i presidenti di camera e senato avrebbero dovuto convocare la commissione per l'elezione del presidente entro 10 giorni, vale a dire entro il 13 di agosto.

Siamo al 7 settembre, ma non si è fatto ancora nulla e i tempi previsti sono ampiamente superati per la "grana" della nomina del presidente, ambito dal PD e dall'opposizione. Di regola, la presidenza delle commissioni di garanzia – tra queste le commissioni di inchiesta – dovrebbe essere affidata ad esponenti della opposizione. Dappertutto è così, ma non in Italia.

Nei siti ufficiali di camera e senato, sull'argomento silenzio profondo. E anche la "grande" stampa, quella che conta, dorme il sonno del giusto.

Allora, non siamo lontani dal vero se pensiamo che la commissione di inchiesta sulle banche – pur doverosamente necessaria - per far luce sui fatti grandi e piccoli che hanno coinvolto scandalosamente il sistema bancario e finanziario sia l'ennesima bufala di una classe politica che ha perduto anche le ultime briciole di credibilità.

A distanza di due mesi dall'approvazione della legge non sono - lor signori - ancora partiti, quando è molto probabile che tra sei mesi, cioè nel febbraio 2018, il parlamento dei "nominati" andrà a casa e con esso anche la commissione di inchiesta.

La commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche  ferma al palo!