Mer08162017

Last update04:28:48

Back Sport Sport e Tempolibero Alpinismo ed Escursioni Spente le diciotto candelline con mille sellarondisti

Spente le diciotto candelline con mille sellarondisti

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Bolzano, 9 marzo 2013. - Redazione

Denis Brunod e Tadei Pivk vincono il Sellaronda Skimarathon. Francesca Martinelli e la spagnola Mireia Mirò stabiliscono il nuovo record della gara. Mille sellarondisti hanno dato spettacolo lungo i quattro passi attorno al massiccio del Sella. Dennis Brunod e Tadei Pivk vincono la diciottesima edizione del Sellaronda. L'inedita coppia ha sbaragliato la concorrenza tagliando il traguardo di Arabba con il tempo di 3.18.37.

Ad Arabba iniziava a scendere la notte quando le prime luci delle lampade frontali si sono accese per illuminare la pista della salita verso il Passo Pordoi. Le cinquecento coppie della diciottesima edizione sono partite applaudite da un pubblico delle grandi occasioni verso la prima fatica della giornata. La meteo dopo la sferzata dello scorso anno ha lasciato correre i concorrenti con temperature vicine allo zero in quota mentre nelle valli saliva a 4/5 gradi.

Pivk subito dopo la partenza non riesce a stare a guardare e prende il comando della gara, sulle sue code, seguendo lo stesso ritmo Dennis Brunod sale deciso controllando gli inseguitori. Nella discesa verso Canazei le cose non cambiano, in seconda posizione ci sono il bellunese Alessandro Follador e Daniele Pedrini, mentre Marco Moletto e Fabio Bazzana sono in terza posizione. Il giovane piemontese Filippo Barazzuol e Franco Collè autori di una bellissima prestazione stazionano intorno alla quinta posizione insieme a Filippo Beccari e Nejc Kuhar. Il passaggio a Canazei è un tripudio, centinaia di appassionati sono scesi in piazza per applaudire tutti i concorrenti.

In campo femminile Francesca Martinelli e Mireia Mirò non hanno problemi a prendere il comando della gara, alle loro spalle Raffaella Rossi e Laura Besseghini. Appena dietro le coppie formate da Silvia Rocca e Martina Valmassoi e da Tamara Lunger e Annemarie Gross.

Tornando alla gara maschile, nelle successive due salite il Passo Sella e il Gardena le posizioni dei battistrada non cambiano. I primi arrivano ad avere quasi 2'45'' di vantaggio sugli inseguitori.

Nell'ultima salita quella del Passo Campolongo mentre i due battistrada s'involano verso il traguardo di Arabba, Filippo Beccari e lo sloveno Kuhar cambiano marcia e iniziano a recuperare posizioni. A circa metà dell'ultimo passo da dietro una curva dopo i primi sbucano le due lampade frontali di Beccari e Kuhar, il sorpasso è compiuto. Follador e Pedrini sono quindi terzi.

Tadei Pivk e Denis Brunod arrivano ad Arabba dopo 2700 metri di dislivello positivo e 42 chilometri di sviluppo con il tempo di 3.18.37, confermano la seconda posizione Filippo Beccari e Nejc Kuhar a 2'48'' di svantaggio. Completano il podio Alessandro Follador e Daniele Pedrini con il tempo di 3.23.21.

Francesca Martinelli e la spagnola Mireia Mirò vincono con il tempo di 3.53.59 stabilendo il nuovo record della gara. Raffaella Rossi e Laura Besseghini non commettono errori e conquistano la seconda posizione davanti a Martina Valmassoi e a Silvia Rocca.

La coppia Rossi-Besseghini chiude con il tempo di 4.12.07, mentre le terze fermano il cronometro a 4.17.07.

Le diciotto candeline della Skimarathon idealmente si sono spente alle premiazioni ufficiali di Arabba dove il Comitato Organizzatore ha dato l'arrivederci al prossimo anno. La magia del Sellaronda ancora una volta entrerà nei ricordi di chi l'ha vissuta!

 

Classifiche Sellaronda

1. Brunod Dennis - Pivk Tadei 03:18:37

2. Beccari Filippo - Kuhar Nejc 03:21:26

3. Follador Alessandro - Pedrini Daniele 03:23:21

1. Martinelli Francesca - Miro' Mireia 03:53:59

2. Rossi Raffaella - Besseghini Laura 04:12:07

3. Valmassoi Martina - Rocca Silvia 04:17:07

Spente le diciotto candelline con mille sellarondisti
 

IN LIBRERIA

Guida alla gestione di portali Joomla!

A pochi interessa come realizzare un elaboratore di testi come Word, a molti interessa come realizzare un documento in modo professionale e corretto attraverso un determinato applicativo. 

ISBN: 978-1-4710-3450-3