Dom06242018

Last update06:40:00

Back Sport Sport e Tempolibero Calcio Al Druso: Alto Adige/Südtirol – Renate 0-0

Al Druso: Alto Adige/Südtirol – Renate 0-0

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Ottimo secondo tempo dei biancorossi, ma la porta brianzola rimane involata

Bolzano, 11 marzo 2018.Redazione*

Non basta un grande secondo tempo al'Alto Adige/Südtirol, con palle-gol in serie per Frascatore, Candellone e Vinetot, per avere ragione di un Renate chiuso a riccio nella propria metà campo per tutta la partita con l'evidente intento di portare a casa un punticino, il primo del 2018, dopo cinque sconfitte di fila. Al "Druso" finisce 0-0, e per la squadra di Zanetti è pur sempre il terzo risultato utile di fila (una vittoria e due pareggi).

MATCH PREVIEW. Reduce dal rinvio della partita a Santarcangelo, sosta forzata alla quale si era consegnato con due risultati utili consecutivi ottenuti in casa grazie alla vittoria contro il Pordenone (1-0) e al pareggio contro la capolista Padova (1-1), l'Alto Adige/Südtirol di mister Zanetti si rimette in cammino, ospitando allo stadio Druso il Renate, decimo in classifica con due punti in meno dei biancorossi che occupano la sesta posizione.

La formazione brianzola è reduce da cinque sconfitte di fila, con appena due gol realizzati, sconfitte subite per mano di Albinoleffe (2-0), Reggiana (2-1), Triestina (1-3), Fano (0-1) e Sambenedettese (2-0).

Contro il Renate dell'ex "canterano" biancorosso Manuel De Luca mister Zanetti deve rinunciare al solo Zanchi, che nell'allenamento di rifinitura ha rimediato la frattura del setto nasale, e si affida allo stesso undici iniziale che ha battuto il Pordenone e pareggiato col Padova.

LIVE MATCH. Inizio di gara con l'Alto Adige/Südtirol che si impossessa sin dalle prime battute del pallino del gioco, operando il primo affondo al 5', quando Broh serve la sovrapposizione sulla fascia destra di Gyasi, il cui cross morbido da fondo campo trova il colpo di testa di Frascatore che risulta però debole e centrale.
Il Renate si arrocca nella propria metà campo, badando quasi esclusivamente a difendersi e lasciando l'iniziativa alla squadra di Zanetti che trova spazi intasatissimi sia al centro che sulle fasce, coi biancorossi che faticano a creare insidie alla difesa brianzola, se non su palle inattive, come al 26', quando su angolo di Frascatore e sponda aerea di Sgarbi bomber Costantino insacca il pallone in rete di testa, ma l'arbitro aveva già fischiato la carica di Sgarbi ai danni di Di Gennaro.

Netto ma sterile il predominio territoriale del Südtirol, mentre il Renate si vede per la prima volta in avanti al 34', quando Gomez si incunea in area di rigore, saltando Sgarbi, per poi calciare forte ma centrale, con Offredi che respinge la conclusione.

Quattro minuti più tardi, invece, il numero 1 biancorosso viene graziato da Lunetta, che tutto solo e da posizione ravvicinata calcia a lato a porta spalancata.
Primo tempo di marca biancorossa, ma con una sola, vera palla-gol costruita dal Renate: squadre al riposo sul parziale di 0-0.

Si riparte senza cambi in entrambe le squadre e con Gyasi che al 3' entra di forza in area di rigore ospite ma viene stoppato dall'uscita bassa di Di Gregorio che gli toglie il pallone dai piedi.

Alto Adige/Südtirol più dinamico e risoluto rispetto al primo tempo, e al 7' Berardocco chiede ed ottiene la sponda da Gyasi per poi sistemarsi il pallone sul sinistro al limite dell'area e concludere non di molto a lato.

Mister Zanetti vuole provare a vincere la partita, e allora toglie Broh per inserire la terza punta, ovvero Candellone, ridisegnando la squadra con un più offensivo "3-4-1-2", con Gyasi nelle vesti di trequartista.

La pressione aumenta e in due minuti, a cavallo fra il 28' e il 30', i biancorossi vanno vicino al gol in tre occasioni, dapprima con colpo di testa di Frascatore respinto da Vannucci sulla linea di porta, quindi su angolo di Frascatore con sponda di Sgarbi e più che sospetto intervento falloso e da rigore di Di Gregorio su Candellone e infine con una mezza girata di Vinetot disinnescata in tuffo dal portiere ospite.
Mister Zanetti si gioca tutte le carte a disposizione per provare a vincere, togliendo Erlic e inserendo anche la quarta punta, vale a dire Heatley Flores, con la squadra che diventa ancora più a trazione anteriore con un super offensivo "4-2-4".
Generoso, e a tratti arrembante, il forcing finale biancorosso, ma il risultato non si schioda e l'Alto Adige/Südtirol deve accontentarsi di un pareggio a reti inviolate.

FC ALTO ADIGE/SÜDTIROL - RENATE 0-0

FC ALTO ADIGE/SÜDTIROL (3-5-2): Offredi; Erlic (77. Hetaley Flores), Sgarbi, Vinetot; Tait, Broh (57. Candellone), Berardocco (89. Bertoni), Fink, Frascatore; Costantino, Gyasi (89. Gatto)
In panchina: D'Egidio, Cia, Smith, Baldan, Cess, Boccalari, Oneto, Roma
Allenatore: Paolo Zanetti

RENATE (4-3-3): Di Gregorio; Anghileri, Malgrati, Di Gennaro, Vannucci; Simonetti, Pavan, De Micheli (73. Fietta); Finocchio (66. Mattioli), Gomez, Lunetta (66. De Luca)
In panchina: Cincilla, Palma, Ferri, Ungaro, Scaccabarozzi
Allenatore: Roberto Cevoli

ARBITRO: Davide Moriconi della sezione di Roma 2 (Vittorio Pappalardo di Parma e Rodolfo Zambelli di Finale Emilia)

NOTE: pomeriggio piovoso, campo allentato in superficie. Prima del fischio d'inizio è stato osservato un minuto di silenzio in memoria del capitano della Fiorentina, Davide Astori, tragicamente scomparso domenica scorsa. Si è giocato coi riflettori accesi. Ammoniti: Simonetti (R, 54.), Frascatore (FCS, 76.), Di Gennaro (R, 90.)

• comunicato

Al Druso: Alto Adige/Südtirol – Renate 0-0

Chi è online

 290 visitatori e 1 utente online