Mar07172018

Last update02:18:56

Back Valli Valli del Trentino Vallagarina «La guerra vista con occhi diversi - reportage di guerra» con Sebastiano Caputo

«La guerra vista con occhi diversi - reportage di guerra» con Sebastiano Caputo

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Avio (TN), 2 febbraio 2018. - Redazione*

Si terrà giovedì 8 febbraio p.v. la seconda serata del ciclo di appuntamenti organizzato dal Comune di Avio – Assessorato alla Cultura in collaborazione con l'Associazione Storico Culturale Memores.

Così, dopo la proiezione, in occasione della Giornata della Memoria, del documentario "IL LAGER DELLA LUNA" del regista Mauro Vittorio Quattrina, sarà ora la volta del giornalista Sebastiano Caputo con la serata di approfondimento "LA GUERRA VISTA CON OCCHI DIVERSI – reportage di guerra" con specifici focus sui conflitti mediorientali.

Caputo, nato a Roma il 22/02/1992, è "Reporter autodidatta è pubblicista dal 2013. In passato ha scritto per i quotidiani "Rinascita" e "La voce Ribelle" di Massimo Fini. A oggi collabora con le testate "Il Giornale", "Treccani", "La Verità" e "Tempi", nonché con l'agenzia fotografica Witness Image, per cui scrive i testi. E' ideatore delle riviste periodiche online "Contrasti" e "L'Intellettuale Dissidente", di cui è direttore. E' autore dei saggi Pensiero in rivolta (Barbera Editore) e Alle porte di Damasco. Viaggio nella Siria che resiste (Circolo Proudhon Edizioni). Studioso di arabo, ha viaggiato in Turchia, Iran, Siria, Libano, Palestina, Iraq, Marocco, Tunisia, Pakistan, Russia (cosi come riportato all'indirizzo web http://www.occhidellaguerra.it/chi-e-sebastiano-caputo/).

Gli appuntamenti, poi, si chiuderanno giovedì 15 febbraio, in occasione del Giorno del Ricordo, quando verrà trasmesso il documentario "LA CITTÀ VUOTA. POLA 1947", a cura di Enrico Miletto, Giulia Musso e Riccardo Marchis, che ripercorre le vicende dell'esodo da Pola avvenuto fra il 1946 e il 1947 e che costrinse circa 28.000 su 32.000 abitanti ad abbandonare la città. L'esodo fu conseguenza della firma del Trattato di Pace di Parigi, che assegnò alla Jugoslavia Pola, Fiume, Zara e quasi tutta l'Istria.

Serata nella quale interverranno anche alcuni esuli istriani e il presidente dell'A.N.V.G.D. di Trento Roberto De Bernardis.

*comunicato

«La guerra vista con occhi diversi - reportage di guerra» con Sebastiano Caputo