Ven10222021

Last update11:46:46

Back Cronaca

Cronaca

Alto Adige, disoccupazione ai massimi storici

  • PDF

Bolzano, 3 aprile 212.  -  Il dato del 3,3% può fare sorridere, se paragonato a certe percentuali raggiunte in porzioni svantaggiate del nostro Paese, ma fa preoccupare seriamente se calato nella realtà "felice", o un tempo felice (per meglio dire) della nostra provincia. Sono ricordi lontani le percentuali dell'uno virgola... Livelli così alti di disoccupati (oltre 8.000) sono preoccupanti, perchè essi dimostrano come il modello altoatesino non sia immune alla crisi, e le responsabilità siano da ricercarsi anche in sede locale.

Vinitaly, cravatte,cattedrali e vino senza veli

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 1 aprile 2012. - Riprendiamo un articolo di qualche giorno fa, pubblicato da Trentino Wine Blog. E' uno spaccato molto ben descritto dell'ingerenza della politica trentina nella società e nell'economia, a cominciare dalla scoperta vocazione cimematografica della Provincia autonoma di Trento che nel cinema ha investito, non soltanto in questa occasione, quella del Vinatily, un sacco di quattrini. Ecco quindi ciò che scrive Cosimo Piovasco di Rondò BB.

Liberalizzare sul serio si può: lo chiedono i consumatori e il mercato

  • PDF

Bolzano, 1 aprile 2102. - L'analisi odierna dell'Astat sulle abitudini dei consumatori altoatesini è straordinariamente illuminante. Le percentuali che indicano per il 2011 un 27,1% di consumatori altoatesini che si reca fuori provincia per gli acquisti fanno rientrare il dato sui livelli del 2009 (solo nel 2010 la percentuale era scesa al 22,2%, ma si era assestata comunque su un livello molto alto). Ciò significa che su dieci consumatori quasi uno su quattro si reca fuori provincia per rifornirsi di alimentari, beni di consumo generali, abbigliamento, apparecchi elettronici...

Quando portare il velo diventa una colpa

  • PDF

Trento, 31 marzo 2102. - Neila e Nadia, cosa dovrebbero dirci questi nomi, vi chiederete. Niente fino a mercoledì scorso, giorno in cui queste due tunisine sono state vittime dell' ennesimo atto di xenofobia. Si perchè da questa data dovrebbero ricordarci che quell' unico Dio che ci ha creato tutti uguali, a " Sua immagine e somiglianza" lo ha fatto proprio perchè nessuno si arrogasse il diritto di sentirsi padrone della dignità altrui.

Lucia Borino vuole giustizia…e sua figlia

  • PDF

Verona, 30 marzo 2012. - Un uomo, probabilmente uno straniero, nel corso della protesta di ieri si dà fuoco dinanzi alla sede del comune. Saverio Sarcina: "Era un uomo disperato....come noi". Uomini e donne in preda alla disperazione, ai quali si vuole togliere il bene più grande che un uomo possa avere...i figli. Una protesta spontanea, divenuta un passa-parola, in tutt'Italia, divenuta una denuncia quotidiana che il Movimento Italia Garantista ha ripetuto fin dall'inizio e per la quale, oggi a Verona si è svolta l'annunciata manifestazione di protesta, con la quale, Lucia Borino, insieme ai genitori Vincenzo Borino e Piccirillo Annunziata, ha voluto sensibilizzare l'opinione pubblica veronese, sull'operato del Tribunale dei minori di Venezia che vorre dare in adozione la sua bambina di due anni e mezzo. La famiglia accusa con determinazione il Tribunale di Venezia di ledere il diritto del minore a crescere e di essere educato nella propria famiglia naturale. Attualmente, infatti, sia la madre, che i nonni hanno il divieto di vedere e sentire la bambina, la quale si è vista provata in un colpo solo di tutti gli affetti della sua giovane...vita. La protesta, un sit in pacifico. Attualmente sia la madre, che i nonni hanno il divieto di vedere e sentire la bambina.

Rovereto, polo della puzza?

  • PDF

Rovereto, 29 marzo 2012. - Prendiamo atto, che i tecnici provinciali, su richiesta di alcuni amministratori locali, abbiano dato corso all'illustrazione dell'insediamento del nuovo bio-digestore, allocato proprio al centro di quello che, fino ad oggi, Rovereto ha sopportato come "Polo della puzza". Prendiamo atto del fatto ed essendo tale progetto, il più importante per il basso Trentino, inserito a fianco di altre realtà problematiche, con pochi chilometri dalla discarica dei Lavini e ben tre inceneritori in pieno centro città, a gestione privata, come gruppo consiliare della Lega Nord, ci permettiamo di suggerire alla Commissione provinciale competente, di organizzare urgentemente un sopralluogo mirato per capirne il progetto, la valenza e l'impatto.

Tutela delle minoranze non significa tutela SVP

  • PDF

Bolzano, 29 marzo 2012. - Fli si schiera a favore del taglio del numero dei parlamentari, ma per quanto riguarda la nostra realtà territoriale va salvaguardata la tutela delle minoranze che però non deve e non può valere solo per il gruppo linguistico tedesco e costituire una sorta di salvacondotto per la sola Svp.Anche al gruppo linguistico italiano deve essere garantita una adeguata rappresentanza parlamentare presso Camera e Senato, visto che di fatto esso ha la sostanza ormai di una vera minoranza territoriale, benchè di secondo grado. E quindi, se già si parla di tutela delle minoranze, il tema va posto ufficialmente nell'agenda del governo, aprendo all'analisi della garanzia di rappresentatività anche per la comunità italiana dell'Alto Adige, che già in Provincia e in numerosi Comuni può contare su una scarsa presenza istituzionale che viene ulteriormente posta in discussione da iniziative di legge come quella del PD (avanzata in Regione da Margherita Cogo) e Svp, con le ipotesi di riforme elettorali truffa in Provincia, destinate a ridurre ulteriormente gli eletti del gruppo italiano in tutti i consessi elettivi dell'Alto Adige.

Occupato l'assessorato della "volpe" Pacher

  • PDF

Trento, 27 marzo 2012. -  E' in corso l'occupazione simbolica dell'assessorato alla viabilità, il cui responsabile è Albetto Pacher, soprannominato la "volpe del Trentino". E' questo il senso della protesta del consigliere provinciale Claudio Civettini (LN).

Patrimonio del MSI "Chiarezza sulla gestione e finalità"

  • PDF

Trento, 26 marzo 2012. - Ci eravamo già occupati del patrimonio immobiliare del MSI/AN e a suo tempo da queste colonne aveamo già scritto dove fosse finito quel cospicuo patrimonio, chi fosse diventato il proprietario, chi lo utilizzasse come e perché. Avevamo scritto due articoli che vogliamo riporporre. "Ex AN, a proposito di case e sedi...." e "Il patrimonio immobiliare di AN in beneficenza". Ora, a seguito della pacifica occupazione dimostrativa della sede della Fondazione AN, in via della Scrofa a Roma, avvenuta nei giorni scorsi, i rappresentanti del "Comitato militanti ex MSI-DN" e della associazione culturale "Solidarietà Sociale", Alessandro Pucci, Pietro Cassiano, Guido Zappavigna e Bruno Di Luia, hanno incontrato il Presidente della Fondazione AN, sen. Franco Mugnai. Al termine è stato emesso il seguente comunicato congiunto.

Chi è online

 166 visitatori online