Sab06252022

Last update02:36:29

Back Cronaca

Cronaca

Rovereto: Allarme sicurezza nel Quartiere di S. Giorgio

  • PDF

 

Rovereto, 21 giugno 2012. -  Una segnalazione dal quartiere di San Giorgio, ed è scattata l'interrogazione del consigliere provinciale Claudio Civettini. Un via vai di persone, con fare sospetto, probabilmente senza fissa dimora, ha allertato i residenti di quel quartiere. Luogo di destinazione e di incontro è l'ex macello comunale, abbandonato al degrado, ma situato in pieno centro urbano del quartiere.

Rovereto: 'La Comunità adotta l'informatica'

  • PDF

Rovereto, 21 giugno 2012. - di Patrizia Belli

Ogni anno la Commissione per la pianificazione territoriale e il paesaggio (CPC) della Comunità della Vallagarina rilascia circa 450 autorizzazioni inerenti progetti ricadenti nelle aree di tutela paesaggistica e ambientale. Lo fa per tutti i Comuni della valle con esclusione di Rovereto. In sostanza un cittadino prima di richiedere la concessione edilizia o presentare la dichiarazione di inizio attività (DIA) se è in area tutelata deve ottenere il parere della Commissione presentando il progetto in duplice copia (una rimane all'interessato e una va in archivio di Comunità).

'Il Borghese', un gradito ritorno

  • PDF

Trento, 21 giugno 2012. - Dopo più di dieci anni di assenza, il "Borghese" ha riaperto. Nella nuova edizione è ripartito come mensile. La direzione è di Claudio Tedeschi, figlio del senatore del Msi e storico direttore del nostro giornale, Mario Tedeschi. Dell'attuale redazione fanno parte non solo le firme della destra storica e vecchi i vignettisti della testata ( Nistri e Isidori ), ma anche le migliori firme della attuale cultura di destra( M.Veneziani, A.Baldoni,F.Jappelli,M.Bernardi Guardi,A.Tilgher, G.De Turris e tanti altri).

Festival Quotidiani Locali on line, tappa in Puglia

  • PDF

San Giovanni Rotondo, 20 giugno 2012. - Il Festival italiano del Giornalismo on-line sbarca a San Giovanni Rotondo. Dopo la tappa del 16 giugno a Belluno, la "carovana" del QOLL festival (Festival italiano dei Quotidiani On-Line Locali) si sposta dalle Dolomiti al Gargano. Sabato 23 giugno sarà il Comune di Padre Pio ad ospitare la seconda tappa del QOLL festival per la selezione delle migliori testate giornalistiche del Sud tra trentatré concorrenti in gara.

Jack Osbourne ha la sclerosi multipla

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 20 giugno 2012. - Leggo ora la notizia che a Jack Osbourne, il figlio del rocker inglese Ozzy Osbourne, è stata diagnosticata la sclerosi multipla. La notizia mi lascia un po' intristito, non per il fatto che io sia un fan del madman o perché si tratta del figlio di una star, mi si potrebbe dire: «Ci sono tante persone affette da sclerosi multipla e tu sei triste per Jack Osbourne?». No, non sono triste per il fatto che sia Jack Osbourne, non sono triste per il fatto che una star abbia la sclerosi multipla, non sono triste per nessuna di queste cause legate alla fama di qualcuno. Datemi solo il tempo di spiegare il perché di questa mia specie di tristezza.

Bolzano: Urzì diserta i lavori della commissione regolamento

  • PDF

Bolzano, 18 giugno 2012. - Alessadro Urzì diserta i lavori della commissione del regolamento del consiglio provinciale di Bolzano, contestando la squilibrata gestione da parte della presidenza Minniti e lo fa con la lettera che pubblichiamo. "Spettabile Segreteria del Consiglio provinciale, con la presente intendo comunicare la mia assenza per protesta alla seduta odierna della Commissione regolamento a cui sono stato invitato, con provvedimento dal sapore notarile, a partecipare.

Rilevo come tale invito manifesta una evidente contraddizione. Esso è esteso infatti, come da sempre, anche a quanti non siano componenti effettivi della Commissione (componenti effettivi scelti, a termini di Regolamento, ed a discrezione, previa semplice comunicazione ai capigruppo, dal Presidente del Consiglio). Secondo una tradizione consolidata il ruolo dei componenti non effettivi della Commissione nel passato era stato però sempre ritenuto attivo, ossia con la possibilità di potere intervenire nel processo di elaborazione delle deliberazioni non solo con la parola ma anche con propri emendamenti a proposte di modifica del Regolamento in discussione.

Arbitariamente questa consolidata prassi che aveva assicurato modifiche del regolamento partecipate, condivise e inclusive, garantendo un equilibrio esemplare fra i diversi poteri interni al Consiglio, come si è in modo esemplare dimostrato sotto la Presidenza del Presidente Steger, è stata superata sulla base di semplicistiche interpretazioni imposte con valore vincolante da parte della Presidenza del Consiglio provinciale che ha di fatto escluso dalla partecipazione ai processi di elaborazione delle modifiche del regolamento (esclusa la semplice possibilità di proposta) i componenti non effettivi della Commissione a cui è da qualche settimana negata la possibilità, prima e da sempre ammessa, di emendare le proposte approdate alla Commissione.

Ritengo questa prassi introdotta arbitraria e grave, segnale di un verticismo pericoloso e inquinato, che annulla il ruolo di una ampia parte del Consiglio provinciale per quanto attiene l'iter di riscrittura delle regole di garanzia su cui si regge l'intero impegno del Consiglio provinciale.

La partecipazione, puramente formale, mia e di numerosi altri colleghi alle sedute della Commissione Regolamento, risulta quindi oggi del tutto ininfluente e mortificante per il ruolo consolidato che da sempre avevano avuto anche le componenti politiche non direttamente rappresentate in Commissione nei processi di verifica del Regolamento.

La leggerezza con cui è stata imposta, da parte della Presidenza del Consiglio provinciale, questa modalità lesiva della prassi consolidata, e ciò esclusivamente sulla base di un parere acquisito con consulenza, significativamente retribuita, ad un giurista che ha attinto alle esperienze parlamentari italiane ed alla complessità della organizzazione interna di Camera e Senato (per molti aspetti nemmeno lontanamente paragonabili alla organizzazione ed alla gestione di una Assemblea composta nel suo compesso da soli 35 consiglieri, quale è il Consiglio provinciale), costituiscono una sintomatica perdita di prestigio dell'autonomia e della terzietà dell'Ufficio, e costituisce un permanente grave danno alla credibilità dell'Istituzione e onorabilità dell'alto organo.

Per queste ragioni non intendo oggi partecipare alla seduta della Commissione regolamento, al fine di manifestare la mia ferma protesta per un atteggiamento autoreferenziale e gravemente condizionato, sul piano politico, della Presidenza, che mortifica il Cosiglio provinciale e rende del tutto evanescente e solamente formale il ruolo e la funzione dei consiglieri non componenti effettivi della Commissione regolamento. Lo ripeto: contro la prassi consolidata che aveva garantito un perfetto equilibrio per decenni e sino alal Prsidenza Steger.

Mi prema a tal fine rilevare come la situazione venutasi a determinare in Consiglio provinciale con la votazione da parte dell'intero corpo delle minoranze politiche della sfiducia nei confronti del Presidente Minniti, sfiducia che ha coinvolto, gravata dall'essere sostenuta anche da parte della maggioranza, pure la Vicepresidente Unterberger, induce a riconsiderare la composizione di detta Commissione in cui sono previsti due componenti effettivi di minoranza politica. Non essendo riconosciuto il Presidente Minniti come espressione della minoranza ritengo che perlomeno su un piano di opportunità debbano essere assunti provvedimenti conseguenti e coerenti a tutela della giusta rappresentanza e del diritto di partecipazione della minoranza politica e in particolare linguistica di lingua italiana nel consesso in cui sono scritte le regole del confronto consiliare e parlamentare.

Non considerare il grave vizio venutosi a determinare costituirebbe ulteriore e grave lesione di principi cardine della rappresentanza democratica.

Richiedo che la mia posizione sia comunicata ai Signori componenti effettivi della Commissione.

Con cordialità, Alessandro Urzì"

Belluno: Prefinale del Festival QOLL, vince PU24.it

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Trento, 17 giugno 2012. -  di Claudio Taverna

Nelle prefinali bellunesi del Festival italiano dei Quotidiani On Line Locali, il giornale webpu24.it si è aggiudicato la nomination come miglior progetto editoriale. All'evento ha preso parte anche Trentino Libero. Oltre al sottoscritto, presenti per la nostra testata Chiara Mazzalai e Stefano Nucida. Il concorso, ottimamente organizzato da Tiellephoto Press, vincitrice l'anno passato, a San Benedetto del Tronto della finale nazionale, ha visto la partecipazione di 27 testate, tra cui oltre a noi, era stata ammessa anche l'altra testata trentina Valsugana it. In pratica, erano rappresentate le regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lombardia, Umbria e Marche.

Esami di Maturità: il 62% degli studenti sfida i radar anticellulare

  • PDF

Trento, 17 giugno 2012. - di Luca Vecchio

Cari Lettori di Trentino Libero, sperando di farvi cosa gradita, vi aggiorno con l'ultima infografica di Studenti.it pubblicata il 15 giugno scorso e già ripresa da molte testate e agenzie giornalistiche: contiene consigli su come fronteggiare la pressione degli ultimi giorni tra riti scaramantici, tecniche di relax, preghiere ai santi protettori degli studenti ed i consigli per realizzare mappe mentali efficaci. Sono riportati inoltre interessanti dati relativi all'utilizzo dei cellulari in sede d'esame.

I rompi.....

  • PDF

Vicenza, 17 giugno 2012. - di Stefano Biasioli

Le vicende italiane di questi ultimi anni testimoniano che, nel nostro Paese, c'è una categoria di persone unica al mondo. Si tratta di quelli italioti che, nel proprio DNA, non hanno la presenza dei geni della "positività, impegno, lavoro, costruzione" ma solo la presenza di un altro, unico e terrificante gene, quello della "ROTTURA" ! Sono i soggetti negativi, gli invidiosi dei successi altrui. Sono i personaggi che –incapaci di progettare, avviare e concludere iniziative innovative- pensano solo a "rompere". A rompere le azioni altrui; a rompere "le scatole". A mettere i bastoni tra le ruote e la sabbia tra gli ingranaggi. A contestare sistematicamente le idee altrui, con ragionamenti inutili e piccini.

Chi è online

 303 visitatori online