Lun06272022

Last update03:38:22

Back Cronaca Cronaca provinciale Pro Loco: l’assemblea annuale mostra un settore che si è ampliato nonostante il periodo di pandemia

Pro Loco: l’assemblea annuale mostra un settore che si è ampliato nonostante il periodo di pandemia

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Oltre due anni di pandemia non hanno fermato l'attività delle Pro Loco trentine, che guardano con fiducia al loro futuro. Quasi 200 Pro Loco e 20.000 volontari, con numeri in costante crescita. Sempre più forte è la consapevolezza del contributo dato al benessere e al senso di appartenenza delle comunità

Trento, 13 aprile 2022. - Redazione*

L'appuntamento annuale di ritrovo e confronto delle Pro Loco trentine costituito dall'assemblea generale della Federazione trentina delle Pro Loco - UNPLI Trentino Alto Adige, arriva in un periodo particolarmente significativo per l'attività delle Pro Loco (l'evento si è svolto lo scorso 10 aprile 2022).

Con il cosiddetto Decreto Riaperture 2022 (D.L. 24 marzo 2022, n. 24) a partire dal 1 aprile 2022 c'è stato un allentamento delle regole messe in campo per contrastare l'epidemia, semplificando quindi l'organizzazione di sagre, feste di paese e iniziative culturali, che portano importanti ricadute sulla socialità e sulle economie locali.

Le Pro Loco trentine godono di ottima salute: nonostante la pandemia, negli ultimi due anni sono nate dieci nuove associazioni. La riduzione della vita sociale a seguito della pandemia non ha fermato i volontari, che hanno reagito con creatività e impegno, diventando il fulcro di una socialità basata su assistenza, servizio e sostegno ai più deboli.

Tra le questioni più importanti trattate in assemblea, a cui sono intervenute oltre 30 Pro Loco, vi sono state l'approvazione del bilancio consuntivo, che mostra un mondo delle Pro Loco in salute anche dal punto di vista finanziario, e l'elezione del consigliere nazionale UNPLI per il Trentino. All'unanimità è stato eletto Cesare Pellegrini, Consigliere della Federazione della trentina delle Pro Loco, che avrà il compito di portare le istanze delle Pro Loco trentine al Consiglio nazionale UNPLI, con lo scopo di dare la maggiore visibilità possibile ai nostri territori.

Altra novità significativa è la presentazione del Piano Strategico 2022-2024 della Federazione Trentina delle Pro Loco, frutto delle riflessioni che hanno impegnato il Consiglio della Federazione della trentina delle Pro Loco nell'ultimo anno. Tutto ciò si traduce in una vision basata su due principali capisaldi: le Pro Loco contribuiscono a rendere le comunità vive, sostenibili, resilienti e sensibili al benessere sociale e sono in grado di innescare processi di cambiamento culturale basato sulla valorizzazione delle proprie eccellenze.

Organizzando e promuovendo le loro attività, le Pro Loco migliorano la qualità della vita all'interno della comunità, di cui indicatori importanti sono le relazioni, il benessere soggettivo, l'ambiente, il paesaggio e il patrimonio culturale.

Le dichiarazioni

Il prezioso valore dell'operato delle Pro Loco è riconosciuto anche dalla PAT, che nel 2022 ha confermato il contributo sia per la Federazione che per le associate. Sono 169 quest'anno le associazioni che hanno fatto domanda di contributo. Grazie a questo le Pro Loco possono promuovere le loro attività, che sempre più vedono l'uso di prodotti locali, la creazione di sinergie tra i soggetti del settore turistico e un maggior indotto economico per il territorio.

A tale proposito Roberto Failoni, Assessore provinciale all'artigianato, commercio, promozione, sport e turismo, rimarca, come "nonostante il periodo difficile, la Pat non abbia fatto mancare alla Federazione la propria vicinanza fisica ed economica. Le Pro Loco sono il braccio operativo del volontariato: svolgono un ruolo imprescindibile all'interno delle comunità, anche per l'impegno e la cura nelle azioni di intrattenimento e di abbellimento del territorio. Se non ci fossero i volontari, il 99% degli eventi non potrebbero essere realizzati".

Monica Viola, Presidente della Federazione trentina delle Pro Loco: "L'importanza dell'operato delle Pro Loco in questo anno è stata fondamentale, la capacità di prendersi cura di persone, luoghi, tradizioni, la volontà di essere una parte importante delle comunità, di voler coinvolgere persone, Amministrazioni Comunali, istituzioni a tutti i livelli, ci fa sperare in un futuro possibile, in un movimento Pro Loco sempre attento e preparato.

Tutti questi pensieri sono stati per il Consiglio della Federazione della trentina delle Pro Loco motivo di attenta riflessione. Abbiamo cercato e voluto trovare delle opportunità da dare a tutti i volontari pro Loco pronti a mettersi in gioco, per far sì che il futuro ci trovi preparati, propositivi, meno impauriti, ricchi di valori che arrivano dalla nostra tradizione ma anche dalla consapevolezza che il nostro fare è importante e merita un posto di riguardo nel panorama dei nostri bellissimi territori".

Sono intervenute anche Giulia Bortolotti, Presidente della Circoscrizione di Meano e Giusi Depaoli, Presidente della Proloco Cà Comuna del Meanese, che hanno presentato in poche parole il territorio di Meano, che ha ospitato l'Assemblea: un territorio di dimensioni contenute ma ricco di opportunità culturali e di svago da offrire ai cittadini e agli ospiti.

*comunicato

(nella foto Monica Viola)

Pro Loco: l’assemblea annuale mostra un settore che si è ampliato nonostante il periodo di pandemia

Chi è online

 367 visitatori online