Dreosto (Lega): l’allevamento zootecnico per l’indipendenza energetica

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Bruxelles, 14 aprile 2022. – di Dario Buscema

Le recenti dinamiche di mercato emerse dal conflitto in Ucraina ci stanno facendo capire sempre piú quanto sia importante raggiungere una maggiore autosufficienza energetica ma anche alimentare. I mercati sono di fatto impazziti, facendo schizzare i prezzi di materie prime ed energia alle stelle.

"La Commissione Europea ha presentato nelle scorse settimane l'iniziativa REPowerEU, una nuova risposta europea alla crisi energetica che aggiorna la strategia "Fit for 55" - spiega l'Eurodeputato Marco Dreosto - l'obiettivo è sostenere nel piú breve tempo possibile la diversificazione degli approvvigionamenti energetici, accelerando la transizione verso energie pulite rinnovabili come il biometano, aumentandone di dieci volte la produzione in 10 anni".

Attualmete l'UE produce 3 miliardi di metri cubi di biometano, allo scopo di arrivare ai 35 bcm previsti, sará necessario mobilitare le biomasse come rifiuti, residui agricoli e soprattutto letame zootecnico, che fornisce il maggior potenziale, riutilizzando lo scarto per la produzione di fertilizzanti. "Gli allevamenti rappresentano oggi piú che mai una risorsa da tutelare e sostenere, ora la stessa UE dovrá rivedere alcune proprie posizioni di contrasto verso l'attuale sistema zootecnico, come quelle espresse in alcuni passaggi della strategia Farm to Fork" ha concluso Dreosto.

(nella foto Marco Dreosto)

Dreosto (Lega): l’allevamento zootecnico per l’indipendenza energetica