Mai più un giorno come l’8 SETTEMBRE 1943

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Trento, 5 ottobre 2020. - di Alessandro Porro*

Prima occupazione jugoslava dell'Istria: 9 SETTEMBRE – 13 OTTOBRE 1943.

Scioltosi l'esercito italiano, tranne che a Trieste, Pola e Fiume, ancora in mano tedesca, gli slavi dilagano per tutta l'Istria. Vengono compiuti massacri di civili, deportazioni e atrocità, vengono annegate o scaraventate nelle foibe, centinaia e centinaia di persone, di ogni classe sociale e di ogni età.

Tra queste, anche Norma Cossetto, giovane studentessa universitaria.

Tutti i centri abitati, piccoli e grandi, ne sono toccati, sia pur con modi e in tempi diversi.

Sono 35 giorni terribili.

I fatti richiamati stimolano in noi tante riflessioni.

Da parte mia, ho pensato di aggiungere a queste scarne righe due foto che ho scattato nella tarda primavera del 2019 a Pisino e a Antignana, in fase di preparazione del documentario che ho realizzato.

La prima riprende la FOIBA GRANDE di PISINO, la seconda la VEDUTA PANORAMICA visibile dal BELVEDERE di ANTIGNANA, il paese nel quale NORMA COSSETTO ha trascorso le sue ultime ore, prima di essere condotta in foiba.

Mi sento, da ultimo, di rivolgere, con deferenza, un pensiero a tutte le vittime di quei giorni e di abbracciare calorosamente tutti i loro familiari.

(le foto di Alessandro Porro: a destra la Grande Foiba di Pisino, a sx la Veduta panoramica dal Belvedere di Antignana)

* da Alessandro Porro

Mai più un giorno come l’8 SETTEMBRE 1943