Il Tribunale di Padova demolisce il binomio il Gatto e la Volpe, al secolo Draghi e Speranza

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Protagonista il giudice Roberto Beghini, molto conosciuto e stimato in Trentino come magistrato a Tione e a Trento

Trento, 3 marzo 2022. – di Carlo Martello

Apprendiamo dal quotidiano "LaVerità" che il Tribunale di Padova ha demolito la politica sanitaria del Governo Draghi e dei precedenti in particolare per quanto la "storia" del green pass e del vaccino.

Si legge nella sentenza del coraggioso magistrato che, accogliendo il ricorso di un'operatrice di una azienda sanitaria veneta (ULSS 6 Euganea) sospesa per non aver assunto il vaccino anti Covid 19, ha così argomentato "la persona vaccinata che non si sia sottoposta al tampone, può essere ugualmente infetta, e può ugualmente infettare gli altri: la garanzia che la persona vaccinata non sia infetta, è pari a zero".

Ci limitiamo a questa lapidaria quanto chiarissima affermazione. Tuttavia assicuriamo che anche le restanti motivazioni sono la logica conseguenza del loico ragionamento giuridico del dottor Beghini.

Il castello di menzogne e montature escogitate dall'autorità politica e diffuse dalla stampa di] regime nella sua quasi totalità, tranne pochissime eccezioni, tra le quali il nostro quotidiano.

[nella foto Draghi e Speranza (il gatto e la volpe) il coraggioso dottor Roberto Beghini]

Il Tribunale di Padova demolisce il binomio  il Gatto e la Volpe, al secolo Draghi e Speranza