Ven08192022

Last update04:28:13

Back Cronaca Cronaca Cronaca provinciale Sospensione dal lavoro per chi non si vaccina: una vergognosa violenza

Sospensione dal lavoro per chi non si vaccina: una vergognosa violenza

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Trento, 30 dicembre 2021.Redazione

Ci è stata inviata la lettera (che pubblichiamo) con la quale l'Azienda provinciale per il servizio sanitario comunica all'operatore sospeso dal lavoro (senza retribuzione e quindi senza gli istituti contrattuali e di legge collegati alla retribuzione) fino al 31 dicembre 2021 per inosservanza all' "obbligo vaccinale" il prolungamento della sospensione fino al 15 giugno 2022.

Come si sa la sospensione procura ai lavoratori niente soldi per ulteriori 6 mesi, nemmeno gli assegni familiari: una grande, vergognosa indecenza.

Possibile che nessuna organizzazione dei lavoratori non abbia manifestato contrarietà all'approvazione della norma (ci stupiamo della firma del presidente della repubblica al decreto 44/21 che presenta criticità non da poco sul piano costituzionale) ma nemmeno che abbia attivato, tramite i rispettivi uffici legali, le giuste opposizioni.

La legge sull'obbligatorietà vaccinale per esercitare il diritto al lavoro contravviene, in primis, l'art. 1 della Costituzione che recita "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione" e in seguito interviene a gamba tesa sull'autonomia contrattuale tra lavoratori e datori di lavoro sancita dai contratti collettivi, di fatto vanificandola.

Possibile che nessuno sappia argomentare sul piano giurisprudenziale questi due semplici principi e possibile che non ci sia un giudice a Berlino che abbia il coraggio di farli osservare.

In conclusione, è stata resa "giustizia" alla Carola Rackete che dopo aver sfondato il blocco navale, entra illegalmente in porto e sperona un mezzo navale della G.d.F.

E' proprio vero: in Italia il mondo è disposto  alla rovescia!

Sospensione dal lavoro per chi non si vaccina: una vergognosa violenza

Chi è online

 428 visitatori online