Permesso verde per il trasporto, ma non per la scuola: interviene Lo Scudo

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Trento, 4 gennaio 2022. - Redazione

Con una lettera indirizzata al Commissario del Governo, all'Assessore provinciale all'istruzione, ai Procuratori della repubblica di Trento e Rovereto, al Difensore civico della Provincia autonoma di Trento, al Garante dei minori, l'Associazione "Lo Scudo" a difesa dei Cittadini interviene sulla "gravità di una situazione che interesserà, alla riapertura delle scuole il prossimo 10 gennaio 2022, migliaia di studenti trentini con le loro famiglie. Infatti, le disposizioni del Governo per contenere la pandemia di Covid-19 impongono dal 10 gennaio 2022 l'obbligo del "permesso verde" per l'accesso e l'utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale, quindi dai treni ai bus."

Ciò significa che gli studenti per entrare a scuola non abbisognano del "permesso verde", mentre per andare a scuola con il trasporto pubblico locale sì!
Di conseguenza, gli studenti non muniti di "permesso verde" per frequentare le lezioni devono farsi accompagnare dai familiari con mezzi privati, mentre questa soluzione non sarà praticabile se i loro genitori per ragioni di tempo o economiche non li potranno accompagnare.

E' palese, in questo caso, che si viene a negare il diritto universale allo studio (art. 34 della Cost.), e si ignora anche il Regolamento UE 2021/953 in materia di Covid 19 che vieta le discriminazioni dirette o indirette.

Osserva lo Scudo che il "permesso verde" resterà in vigore, salvo possibili proroghe, fino al 31 marzo. Quindi si profila per gli studenti, impossibilitati di frequentare per ragioni logistiche la scuola, il rischio di perdita dell'anno scolastico (che potrebbe trasformarsi in abbandonno), con evidenti danni morali e materiali per loro e per le famiglie.

Lo Scudo chiede, infine, alle Autorità di intervenire per evitare che il prezzo diell'assurda prescrizione sia pagato da studenti e famiglie!

Permesso verde per il trasporto, ma non per la scuola: interviene Lo Scudo