Mer10212020

Last update05:07:26

Back Cronaca Cronaca Cronaca Bolzano Scuola, respinto l'emendamento di Fratelli d'Italia. Urzì: ci rivolgeremo al Governo nazionale

Scuola, respinto l'emendamento di Fratelli d'Italia. Urzì: ci rivolgeremo al Governo nazionale

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Bolzano, 13 dicembre 2019. - Redazione

La legge che renderà possibile il transito di dirigenti dalla formazione professionale, gestita dalla Provincia di Bolzano alla scuola statale primaria e secondaria è di dubbia legittimità costituzionale.

Lo ha rilevato oggi in aula durante il dibattito sulla Legge di stabilità 2020 della Provincia di Bolzano il consigliere Alessandro Urzì. L'esponente di Fratelli d'Italia – Alto Adige, anche per evitare una probabile impugnazione da parte del Governo aveva presentato un emendamento, respinto a maggioranza bulgara dal Consiglio provinciale, che prevedeva per questo passaggio il superamento di un apposito concorso e parità con i requisiti richiesti a livello nazionale.

"Si tratta di una evidente forzatura – ha fatto notare durante il dibattito Urzì – perché la norma così come è stata presentata di fatto sancisce che i dirigenti non in possesso dei requisiti richiesti per dirigere una scuola statale, in Alto Adige lo potranno egualmente fare.

Da qui ad una vera e propria provincializzazione della scuola pubblica in Alto Adige il passo sarà breve. Ora la Provincia detta le regole in base alle quali si potrà dirigere la scuola, poi sarà la stessa Provincia a stabilire i requisiti per poter insegnare. Si tratta – ha concluso Urzìdi un'iniziativa grave ed unilaterale sulla volontà di intaccare la scuola statale in Provincia di Bolzano per cui chiederemo intervento del governo di Roma."

Scuola, respinto l'emendamento di Fratelli d'Italia. Urzì: ci rivolgeremo al Governo nazionale

Chi è online

 181 visitatori online