Sab10232021

Last update05:22:37

Back Cronaca Cronaca Cronaca Bolzano Seppi 'SVP golpista elettorale'

Seppi 'SVP golpista elettorale'

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Donato SeppiBolzano, 5 giugno 2012. -  di Donato Seppi

E' davvero inaccettabile che la disperazione dovuta alla certezza matematica di perdere voti e, con essi, anche la maggioranza assoluta in Consiglio Provinciale possa portare la SVP a proporre un disegno di legge elettorale che puzza maledettamente di truffa politica ai danni dei cittadini. Non si può infatti nemmeno lontanamente ipotizzare, se non colti da quelle palpabili paure incontrollate che pervadono i vertici della Stella Alpina, che chi non ottenga la maggioranza dei suffragi elettorali possa comunque mantenere la maggioranza dei consiglieri. Questo, al di la dei nomi e delle sigle dei sistemi elettorali, è di fatto ciò che la SVP pretende: abbattere la democrazia a colpi di mazza e, con essa, grande parte della vera e unica opposizione che non entrerebbe più in consiglio se non otterrà il quorum pieno. Il tutto alla faccia di quello Statuto di Autonomia che prevede, proprio per la salvaguardia rappresentativa del gruppo italiano e ladino, un sistema proporzionale puro senza premi di maggioranza o sbarramenti percentuali.

E' chiaro che si aprono prospettive di lotta politica aspra e dura all'interno delle istituzioni provinciali su questo abominevole disegno di legge ed è altrettanto evidente che, come avvenne già in passato per i ladini, si potrà ricorrere ai tribunali per tentare di ottenere giustizia ma intanto la proposta pesa come un macigno sulla testa dei cittadini elettori. In pratica tentare di mantenere il potere senza averne il diritto elettorale e, contemporaneamente affossare quelle liste minoritarie, attualmente presenti in consiglio perché sono le uniche in grado di dare filo da torcere alla maggioranza, è il disegno tracciato dalla SVP.

E' anni che ci prova: per due legislature, quando ancora Minniti, mai membro in più della SVP come in questo frangente ( perché deve essere chiaro che senza la sua accondiscendenza di Presidente del Consiglio e il suo totale asservimento politico le modifiche al Regolamento che oggi consentono alla SVP di provare a giocare la carta della arroganza e della prepotenza non sarebbero state possibili!) riuscimmo a fermarli in Consiglio. Ora, sarà tutto più arduo ma certamente non si potrà pretendere che si lasci una questione di così fondamentale importanza democratica alla furia degli eventi politici locali. La prima grossa battaglia sarà in Commissione legislativa; la seconda in Consiglio; la terza il ricorso giuridico e, in contemporanea, assieme ritengo a tutte le altre forze politiche, l'indizione di un Referendum popolare. La SVP non può pensare di modificare le norme elettorali a suo unico vantaggio quando tutto il resto del Consiglio, nessuna escluso, dal PD suo alleato di Giunta ad Unitalia e alla Klotz non accettano questa proposta truffaldina.

Donato Seppi *

* E' consigliere provinciale e regionale di Unitalia

Seppi 'SVP golpista elettorale'

Chi è online

 213 visitatori online