Sab10232021

Last update05:22:37

Back Cronaca Cronaca Cronaca Bolzano Meno multe a automobilisti e ciclisti per bene e più presidio del territorio

Meno multe a automobilisti e ciclisti per bene e più presidio del territorio

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Luigi SpagnolliBolzano, 13 novembre 2014. - di Alessandro Urzì

Al sindaco Spagnolli ed alla sua giunta deve essere richiesto immediatamenteun cambio di direzione dopo l'aggravarsi della situazione della sicurezza in città, e la serie impressionante di delitti, primi fra tutti i furti ma anche le rapine e gli atti di danneggiamento che stanno seminando ansia ed inquietudine assolutamente comprensibili fra i cittadini.
Il primo provvedimento che ora L'Alto Adige nel cuore richiederà, se del caso anche con una petizione popolare, è che tutte le risorse annunciate nella inutile persecuzione nei riguardi degli automobilisti (sono annunciate misure draconiane come l'installazione inutile di decine di speed check, posti di blocco ed elevazione di centinaia di contravvenzioni per il superamento di pochi chilometri dei ridicoli limiti a 30 o 40 all'ora per le strade cittadine) siano spostate nella prevenzione contro la criminalità.

Deve essere alleggerita la pressione sui cittadini per bene durante il giorno e spostati i servizi di presidio del territorio di notte.

Meno pattuglie e appostamenti contro ciclisti e automobilisti (Bolzano non appare proprio una città abitata da emuli delle corse di Formula 1 in modo endemico) ma più servizi nelle ore della notte in tutti gli angoli più oscuri della città, nelle strade di accesso alle nostre case ed ai nostri garage.

Questo si aspettano ora i bolzanini, che si aprano gli occhi dopo un decennio di permissivismo che ha reso la città un rifugio più o meno sicuro per delinquenti, barboni, accattoni molesti, ladri.

Telecamere: pare che la giunta Spagnolli PD/SVP sia assillata dall'idea di fare cassa. Le multe annunciate per eccessi di velocità di pochi chilometri, le telecamere per l'accesso alla zona a traffico limitate. Le telecamere non servivano agli ingressi della Ztl ma servono nei quartieri per raccogliere
immagini preziose utili a prevenire i reati ed a individuare gli autori di reati davvero pesanti.

Il buonismo affarista, per cui si pensa solo a intascare denari dai cittadini per bene lasciando impuniti i malfattori, deve fare riflettere seriamente.
In dieci anni Spagnolli e la sua amministrazione ci hanno consegnato questa città in cui c'è da avere paura. E' ora di chiedere immediati passi di responsabilità. Li solleciteremo con ogni mezzo. Se necessario scenderemo in strada già entro le prossime settimane per avviare una petizione popolare.

* consigliere provinciale-regionale

Meno multe a automobilisti e ciclisti per bene e più presidio del territorio

Chi è online

 341 visitatori online