Dom02052023

Last update05:11:29

Back Cronaca Cronaca Cronaca Rovereto Rovereto, Bilancio: iniziata la discussione in aula

Rovereto, Bilancio: iniziata la discussione in aula

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

I Consiglieri delegati "rompono il ghiaccio", aprendo il dibattito sulla manovra presentata dal Sindaco Valduga e dalla giunta a dicembre

Rovereto, 10 gennaio 2023. – di Marco Nicolò Perinelli*

E'iniziato il dibattito in aula sul Bilancio di Previsione 2023 del Comune di Rovereto.

Paolo Cazzanelli, consigliere delegato alla semplificazione e digitalizzazione delle procedure amministrative, ha ripercorso quanto è stato fatto e quanto è in corso. In particolare ha ricordato il lavoro portato avanti sulla cittadinanza digitale e sulle nuove opportunità date dalla tecnologia, attraverso la formazione rivolta ai professionisti presenti in città, per spiegare come grazie al nuovo portale web del Comune sia possibile accedere ai nuovi servizi.

In particolare è già operativo lo sportello digitale per l'Ufficio tecnico. "Nulla è stato calato dall'alto, ma è stato un percorso condiviso. Siamo partiti dai professionisti perché sono coloro che si trovano ad interagire con le strutture comunali e sono più preparati per questo tipo di servizio. Ora dobbiamo lavorare con i cittadini, che talvolta non hanno la strumentazione necessaria. Le dotazioni stanno arrivando, le postazioni stanno arrivando, ma occorre superare quello che è l'ostacolo maggiore, che è quello culturale. Per questo stiamo lavorando insieme alle scuole ad un progetto mirato che vede gli studenti delle ITI Marconi che hanno organizzato una serie di incontri fatti da giovani competenti che si mettono al servizio, aiutano, formano gratuitamente, all'interno delle strutture messe a disposizione dal Comune in centro alla città". Paolo Cazzanelli ha ricordato poi le opportunità date dal Pnrr che mette in campo fondi per la digitalizzazione. Per il futuro ha parlato dell'incremento di nuovi servizi per i cittadini, come il servizio istruzione e il servizio anagrafe.

Egon Angeli, consigliere delegato al progetto "La Città dei bambini e delle bambine", ha posto l'accento sulle procedure di ascolto e sulla progettazione partecipata che il Comune sta portando avanti su questo tema. "Molto è stato fatto, ha detto, ma stiamo lavorando per dare forma e sostanza al progetto" Il 2022, ha ricordato, è iniziato con un percorso di incontri di formazioni alla quale hanno preso parte tre assessorati, il servizio istruzione e la segreteria generale, che hanno messo in campo una rete italiana ed internazionale. "Questo ci ha permesso di aprire ad una serie di contatti che hanno permesso una serie di approfondimenti, coinvolgendo attori pubblici e privati, per aprire l'amministrazione al punto di vista dei bambini". "Nelle prossime settimane costruiremo un progetto sperimentale che coinvolgerà le quarte elementari, speriamo di tutti gli istituti, per proseguire poi nel quinto anno".
Fabrizio Corradini, consigliere delegato al decoro urbano, si è detto molto soddisfatto dell'operato dell'amministrazione comunale: "In questo momento storico, caratterizzato dalla scarsità di risorse, con la prevalenza di investimenti collegati al pnrr, si è voluto dare un significato al bilancio con una attenzione particolare alle Circoscrizioni che, come noto, hanno a cura la qualità, la pulizia e quindi il decoro dei quartieri". Sugli appalti del verde, ha ricordato la sperimentazione dell' "appalto a zone": "A Marco e Noriglio la risposta è stata positiva e stiamo valutando di portare questo tipo di appalto anche in altre circoscrizioni". Per quanto riguarda le politiche sociali, ha parlato dell'importanza del progetto del 3.3D, ma anche del progetto "Q", che ha visto 12 persone, che lavoravano in coppie nelle Circoscrizioni, che ha avuto un riscontro positivo e che sarà riproposto nel 2023. Ha ricordato la moria di piante ad alto fusto a causa della siccità, piante che sono già state sostituite in tutta la città e l'importanza data ai Parchi pubblici, con la manutenzione dell'esistente e l'installazione di nuovi giochi in diversi spazi verdi della città. "Nel 2023 si proseguirà con il rinnovo dei giochi, come al Parco alla Pista, ma sarà data anche cura alle fontane e all'illuminazione". Ha prospettato alcuni dei lavori che saranno in campo nel prossimo anno, come la riqualificazione dell'area sud del campo di Via Benacense, le aree cani a Lizzana e Marco. Per quanto riguarda l'arredo urbano, sarà posta attenzione alla manutenzione dell'esistente e all'installazione di nuove attrezzature come panchine e gruppi panca. Previste asfaltature e nuove pavimentazioni.

Arianna Mioriandi, consigliera delegata alla cooperazione allo sviluppo e progetti europei, ha iniziato la propria relazione parlando dell'importanza di Rovereto come Città della Pace di fronte ad una guerra che si sta combattendo alle porte dell'Europa, in Ucraina. Ha voluto ricordare l'impegno della città, delle associazioni, dei singoli cittadini che si sono mobilitati per accogliere i profughi e con l'invio di bene necessari direttamente in Ucraina e nelle zone di confine. Ha parlato dei progetti europei che vengono portati avanti su temi come l'ambiente, sia Urbact, che vede Rovereto impegnata nel declinare la cultura al servizio della tutela dell'ambiente, sia il bando vinto a luglio "Lungo le vie dell'Acqua", finalizzato all'educazione alla cittadinanza globale. Parlando della nuova sede a Rovereto del Centro di Cooperazione Internazionale, ha ricordato l'importanza di una collaborazione con un "centro diventato punto di riferimento a livello nazionale, internazionale ed europeo". "Con le competenze, le relazioni, le reti che il Centro ha acquisito in questi anni potremo partecipare a bandi e concorsi volti a promuovere la dimensione europea, internazionale della città". Sul tema dell'Europa, tra le altre cose, ha anticipato la partecipazione all'Urban Innovative Action, con l'idea di trasformare alcuni spazi inutilizzati della Stazione ferroviaria in un in Innovation Hub, volta a lavorare sulle problematiche connesse al cambiamento climatico.

Omar Korichi, consigliere delegato alle reti culturali, ha ripercorso il cammino fatto per tessere relazioni con quei popoli che soffrono coinvolti nei conflitti: "Come Città della Pace dobbiamo lavorare nella direzione dell'unione, per valorizzare ciò che unisce le persone e bandire tutto ciò che allontana, mette odio tra le persone". "Ciò che è più difficile è sviluppare una rete tra le persone che vada oltre i singoli momenti di condivisione". Ha parlato del lavoro fatto con le Associazioni e tanti giovani che si sono adoperati in questa direzione.

Paolo Chemotti, consigliere delegato alla partecipazione dei cittadini e monitoraggio dell'attuazione del programma, ha dedicato il suo intervento agli atti di indirizzo presentati già lo scorso anno per vedere quale sia lo stato di avanzamento. E' partito da quello che riguardava le buone pratiche in campo ambientale, per poi analizzare punto per punto: "Tutte le opere finanziate dal fondo pnrr – ha ricordato – devono rispettare specifiche tecniche legate a impatti ambientali minimi. Anche nel mettere in campo il PNRR si va ad ottemperare l'atto di indirizzo. Per quanto riguarda la toponomastica, ed in particolare l'Ex Cava Manica, a breve sarà convocata una Commissione per ottemperare quanto votato dall'aula. Per ciò che riguarda l'assistenza intermedia, non è rientrata nei temi del PNRR ma in questo momento gli Uffici stanno monitorando la possibilità di accedere a finanziamenti. Per la sentieristica, per il riordino della parte a est della città e della cartellonistica, l'intento è quello di unire i due atti di indirizzo e di mettere ordine in tutto quello che riguarda la sentieristica in città e fuori. Per quanto riguarda l'Ostello, sta per scadere il bando di concessione e a breve si potrà ristrutturare per rispondere alle richieste del gestore. Si sta lavorando sulle panchine di Miravalle, mentre per i rallentatori di via delle Zigherane, sono stati sanati i problemi di sicurezza e si sta valutando se il dosso possa essere utile. Con Trentino Trasporti si sta portando avanti la progettuali della Pensilina di via Stropperi, mentre temporaneamente in stand by, in quella stessa area, il parcheggio in attesa del progetto della Provincia. Tra febbraio e marzo, con SMR, sarà fatta una proposta per gli abbonamenti per gli studenti fuori sede". Ha poi parlato di punti di ricarica per le auto elettriche e le bici, di politiche di valle, della sistemazione delle opere a Lizzana e dissuasori di via Trieste, e di interramento della Ferrovia, ricordando di essere in attesa delle proposte.

La seduta è quindi proseguita con la risposta alle interrogazioni di attualità, la relazione del Direttore Generale, Mauro Amadori, sul DUP e con gli interventi dei Consiglieri.

*ufficio stampa del comune di Rovereto

(nella foto la facciata del Palazzo Podestà sede del comun edi Rovereto)

Rovereto, Bilancio: iniziata la discussione in aula

Chi è online

 300 visitatori online