L'orso sul Baldo, la preoccupazione di Civettini

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Lo striscione 'No orsi'Rovereto, 31 agosto 2012. L'orso sul Baldo, fa veramente paura? Se lo chiede coon una interrogazione al presidente della provincia autonoma il consigliere Claudio Civettini. Nella premessa, l'esponente politico così si esprime "parlare delle problematiche concernenti la presenza dell'orso nelle valli trentine, è oggi difficile, perché è un problema talmente noto che è difficile trovare argomentazioni per descrivere tale fenomeno, che evidentemente è sfuggito di mano a chi ha la gestione del famigerato progetto di reinserimento del plantigrado nelle zone ora antropizzate e dove la presenza d'insediamenti umani, rende impossibile la rigenerazione delle situazioni di un tempo."

Ma ecco le domande a Lorenzo Dellai: quali informazioni si ha della presenza di orsi sul Monte Baldo e quali segnalazioni sono state fatte dagli organi deputati al controllo, che rispondono della gestione della presenza del plantigrado nelle varie località?; quali contatti con gli operatori turistici della zona sul tema; quali le evidenze degli stessi sulla specifica problematica e quali reazioni per le numerose famiglie di turisti che da anni sono ospiti di quel territorio, a fronte della possibilità – come avvenuto! - dell'incontro con l'orso che ha generato, in ogni modo, paure e cambiamento di usi, come le passeggiate rilassanti nei boschi?; come si intendono risarcire i danni all'economia che potrebbero essere quantificati, generato dall'abbandono dei nostri territori da parte dei turisti, soprattutto veneti?; quali tipo di comunicazione si sta facendo, circa la presenza del plantigrado nei vari territori, affinché, in ogni modo, i turisti siano informati della presenza dell'orso e, nel caso, quale specifica comunicazione qualora lo stesso abbia preso "residenza" su percorsi e sentieri da decenni in uso a chi si reca in montagna per camminare?; quali i metodi di comunicazioni dei dati sulle presenze dell'orso alle competenti autorità tecniche e politiche, responsabili del progetto e quali provvedimenti di controllo sul territorio?; in caso di aggressione, o di pericolo imminente, per chi fosse regolarmente in possesso di armi adeguate, è legittimo abbattere il plantigrado aggressore? 

L'orso sul Baldo, la preoccupazione di Civettini