Denunciato un (apolide) spacciatore in piazza Dante

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Trento, 15 febbraio 2021. - Redazione

Riceviamo dall'ufficio stampa del comune di Trento il comunicato che pubblichiamo integralmente. I lettori potranno notare che non è precisata la nazionalità dello spacciatore.

Forse si tratta di un apolide......?

Noi pensiamo che nascondere la nazionalità del delinquente o dei delinquenti risponda a precise, deprecabili direttive politiche.

"Giovedì scorso il personale del Nucleo civico della Polizia locale e agenti dell'Unità operativa criminalità diffusa della Squadra mobile mettevano in atto una serie di controlli antidroga in Piazza Dante.

Gli agenti in abiti civili, appostati nelle vicinanze del "listone" al centro della piazza e con l'ausilio di binocoli, notavano un 28enne che si accucciava senza apparente motivo in vari punti dei giardini. Insospettiti da questi strani atteggiamenti memorizzavano e fotografavano i punti in cui il soggetto si abbassava verso il terreno.

La costanza degli investigatori veniva premiata quando veniva notato uno scambio tra il soggetto ed un cinquantacinquenne. Sospettando una cessione di sostanza stupefacente in prossimità del parco giochi sul lato nord dei giardini, gli agenti che osservavano la scena a distanza con i binocoli allertavano i colleghi posizionati sul perimetro dei giardini intercettando quindi il presunto acquirente, il quale consegnava una piccola stecca di hashish appena comperata.

Successivamente bloccavano poco distante il venditore che veniva trovato in possesso di circa 125 euro in contanti in banconote di piccolo taglio. Guidati dai colleghi che avevano assistito agli strani movimenti del soggetto gli agenti si recavano nei luoghi segnalati e recuperavano altre dosi di hashish del peso di oltre sette grammi già diviso in piccole stecche e pronto per lo spaccio.

Il soggetto veniva dunque denunciato a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed il denaro e lo stupefacente venivano posti sotto sequestro.
L'acquirente veniva invece segnalato per l'adozione dei provvedimenti amministrativi previsti dal DPR 309/90 al Commissariato del governo quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Le attività di controllo si spostavano successivamente in altre aree della città, secondo una sinergia collaudata negli ultimi mesi che ha portato a rilevanti risultati nel contrasto dei fenomeni di microcriminalità e degrado delle piazze cittadine."

Denunciato un (apolide) spacciatore in piazza Dante