Ritorno alla misoginia?

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Ritorno alla misoginia?

Trento, 4  febbraio 2012.- Il sabato dei giovani è divertimento, è follia, è evasione dall'ordinario.  E perchè no: per rendere la serata davvero unica, uno stupro in gruppo. Tanto non viene più prevista neanche l'automaticità del carcere. Tanto non è mica così grave.  Si parla solo di belve che succhiano fino all'osso il corpo e l'anima di un' innocente che ha commesso il solo sbaglio di uscire per una serata di svago.

Nel corpo le rimarranno segni che il tempo pian piano si porterà via , nell'anima le rimarranno quelle mani che l'hanno ucciso come donna.

Questo avrebbe dovuto pensare la Corte di Cassazione quando, battendo il martello, con un singolo gesto ha deciso per l'intero genere femminile: sarà il giudice a disporre misure alternative per le violenze sessuali in gruppo, perchè l'obbligatorietà e l'automaticità della custodia cautelare in carcere è contraria all'articolo 3 della Costituzione, l'articolo che recita dell'uguaglianza. Ma come spiegare alla nostra migliore amica, alla nostra compagna di banco, alla nostra vicina che il carcere automatico per chi l'han ridotte a semplici oggetti non rispetta diritti equi. Come se i loro diritti fossero stati rispettati.
Rosaria Rizzo
Ritorno alla misoginia?