Mar09272022

Last update03:41:39

Back Cronaca Cronaca Cronaca Nazionale Consulta: la presidente (e la sua vice) che votano per se stesse; e media tutti zitti in ginocchio

Consulta: la presidente (e la sua vice) che votano per se stesse; e media tutti zitti in ginocchio

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

Trento, 22 settembre. 2022. - di Guido Paglia*

Dunque, facciamo un po' di conti: i giudici della Corte Costituzionale sono quindici: la neo-presidente, Silvana Sciarra, è stata eletta presidente con otto voti; mentre l'altra candidata, la vicepresidente Daria de Pretis, si è fermata a sette suffragi. Manco una scheda bianca, ne voti dispersi.

Quindi, c'è poco da arzigogolare: le due illustri giuriste hanno votato per se stesse, non hanno avuto il pudore di astenersi o magari di uscire entrambe dall'aula, lasciano liberi gli altri tredici colleghi di scegliere l'una o l'altra. Non si sono fidate. E il risultato è sconcertante. Perché ora abbiamo al vertice della Consulta, cioè a capo dell'organo di controllo costituzionale delle leggi sfornate dal Parlamento, una giurista che è lì solo perché è stata eletta con il voto determinante per se stessa. E con una dei due vice, che ha fatto altrettanto. Non proprio il massimo, non vi pare?

Ai media questo aspetto è sembrato del tutto trascurabile. Silenzio assoluto.

Forse per paura di essere accusati di "sessismo"?

Ecco, nel caos pre-elettorale di questi giorni, ci mancava questa auto-picconatura della Corte Costituzionale. L'unica speranza è che presto questa Consulta monocolore voluta da Mattarella e dal Parlamento controllato dalle sinistre, sarà rinnovato per quattro quindicesimi. E saranno tutti prerogativa di Camera e Senato. Ottima occasione per raddrizzare la baracca.

*da Le sassate

(nella foto de Pretis&Sciarra)

altri articoli

Daria de Pretis, altro pezzo da 90 della Corte Costituzionale, anche se non conquista la presidenza

Via dalla Corte il “pesante” pluripensionato Giuliano Amato

&&&&&&&&&&&&&&&

Caro Paglia, d'accordo su quasi tutto. La conclusione non mi convince. Non credo che il nuovo parlamento potrà cambiare le cose. Quando è la politica che nomina i 2/3 della Consulta come potranno cammbiare? Ci siamo premessi di riprendere il Tuo articolo, sperando che non Ti dispiaccia. Cordiali saluti Claudio Taverna

Consulta: la presidente (e la sua vice) che votano per se stesse; e media tutti zitti in ginocchio

Chi è online

 223 visitatori online