Gio01202022

Last update04:07:28

Back Cronaca Cronaca Cronaca Provinciale Val di Cembra: Garduatorie case popolari, nessun nome italiano tra i primi 50

Val di Cembra: Garduatorie case popolari, nessun nome italiano tra i primi 50

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 19 agosto 2015. - Redazione*

Il caso è scoppiato ieri sera sui social network dove sono partite le polemiche e i confronti su quanto sta succedendo in val di Cembra. Tutto nasce dalla pubblicazione, sul portale web della Comunità di Valle di Cembra, (poi ripreso anche dal giornale l'Adige ieri, vedi foto) di graduatorie di locazione di alloggio pubblico che presentano notevoli singolarità; infatti sia nella lista dei "cittadini comunitari", sia in quella riservata ai "cittadini extracomunitari" sia nella graduatoria per l'integrazione del canone locativo per i "cittadini comunitari" primeggiano indistintamente ed incontrastati nomi e cognomi di persone straniere al punto che non sarebbe oggettivamente possibile per nessuno immaginare, leggendo quelle graduatorie, la provenienza geografica non trentina, ma neppure italiana dell'ente che le ha stilate.

Ma la cosa non si fermerà sulle pagine dei giornali o su quelle dei social ma finirà anche sui banchi della giunta provinciale. Infatti il consigliere provinciale di Civica Trentina Claudio Civettini incuriosito dall'inusualità della cosa ha presentato un'interrogazione.

Civettini interroga la giunta per sapere se la graduatoria rappresenta una degenerazione di un sistema di contributi ed erogazioni che, di fatto, finisce con l'escludere chi ha origini trentine e chiede all'Amministrazione provinciale di attivarsi per un ripensamento del succitato sistema delle graduatorie di locazione di alloggio pubblico in modo da rendere beneficiari anche coloro che, avendone i requisiti, hanno origini trentine;

«Fermo restando quindi il principio di accoglienza e solidarietà, - spiega a margine Civettini - che nessuno intende mettere in discussione, è chiaro come tutto ciò sia inaccettabile e debba indurre non solo la Comunità di Valle in parola, ma l'Amministrazione provinciale stessa al ripensamento di un sistema di sussidi e contributi che, di fatto, oramai premia solamente chi non ha origini trentine».

* da "La Voce del Trentino"

Val di Cembra: Garduatorie case popolari, nessun nome italiano tra i primi 50

Chi è online

 351 visitatori online