Galeotte le manine…….

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Trento, 6 giugno 2019.Redazione

Roberto Paccher come Giovanni Tria, diversi e lontani, ma accomunati dallo stesso destino. Diversi e lontani, non solo per l'importanza del ruolo; molto vicini, invece, per via della "manina" galeotta.

Non che si tratti della stessa, ben s'intende! Ambedue (le "manine") si sono mosse, tuttavia, nello stesso giorno (ndr venerdì 31 maggio) per far uscire dai rispettivi palazzi (ndr di piazza Dante in Trento e di via XX Settembre in Roma) le bozze di significative "letterine".

Quella ("manina") di Paccher, ha divulgato, la missiva indirizzata agli ex consiglieri "resistenti", quella di Tria, invece, la risposta alla Commissione europea.

Ambedue (le bozze), diverse e lontane per importanza, non corrispondono, tuttavia, ai testi ufficiali, mentre differenti sono le conseguenze.

Il ministro dell'economia ha incaricato il capo delle sicurezza cibernetica del MEF (ndr Ministero dell'economia e delle finanze) di denunciare la "manina" alla procura della repubblica di Roma che ha immediatamente aperto un fascicolo contro ignoti per "divulgazione di atti segretati e violazione d'ufficio".

Il presidente del consiglio regionale, sicuramente indispettito, si è limitato - a quanto pare - ad una piccola indagine "interna" per individuare il responsabile della "fuga di notizie", cioè a chi del suo staf appartiene la "manina".

L'irritazione degli ambienti giornalistici verso la "manina" regionale che ha privilegiato un solo quotidiano dovrebbe aiutare Roberto Paccher alla soluzione del "giallo", poiché non è difficile immaginare possibili speciali legami tra il palazzo regionale e i cronisti che lo frequentano.

Galeotte le manine…….