Mar10152019

Last update12:44:22

Cultura e Spettacolo

Charles de Gaulle: un «malato» di protagonismo

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Charles De Gaulle

Monselice, 23 settembre 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Quello strano personaggio che fu il forte, ambizioso, generale Charles de Gaulle, saltò in sella al suo lungo momento di "gloria", approfittando di molti eventi poco edificanti per diverse Nazioni in guerra, compresa la sua, la Francia, occupata dai nazisti e costretta all'armistizio da un governo in frantumi, ma piegato agli ordini del Maresciallo Philippe Petain, che la spezzò in due con il governo di Vichy.

La 2° Guerra Mondiale ha fatto danni per 80 anni

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

La Seconda Guerra MondialeMonselice, 5 settembre 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Proprio in questi giorni, ottanta anni fa, il 3 settembre 1939 Adolf Hitler aveva invaso la Polonia e correva per lo "spazio vitale": il corridoio di Danzica. Aveva così stritolato l'infame trattato di Versailles che aveva posto la Germania a condizioni di ristrettezze non solo economiche, ma di pressione psicologiche su qualsiasi tentativo di poter realizzare un recupero dalla sconfitta della prima guerra mondiale.

Traditori in divisa

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Gastone GambaraMonselice, 31 luglio 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Il 1 luglio 1942 il 7^ Reggimento Bersaglieri, inquadrato nella Divisione "Trento" eresse un memorabile cippo a 111 km. di distanza da Alessandria d'Egitto, dove oltre al fregio scolpito del reparto compare la seguente scritta: " mancò la fortuna non il valore".

“Ci fu il rischio di tradire due volte”

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

TraditoriMonselice, 17 luglio 2019. – di Adalberto de' Bartolomeis

Alle 19.42 dell'8 settembre 1943 dal microfono dell'EIAR, da via Asiago, n.10 - Roma il Maresciallo Pietro Badoglio, delegato dal Sovrano, Vittorio Emanuele III e capo di un governo inesistente, annunciava il famigerato armistizio equivoco, firmato a Cassibile dagli anglo-americani il 3 settembre.

Oggi, il 103° anniversario dell’impiccagione di Cesare Battisti

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

Cesare Battisti alpinoTrento, 12 luglio 2019. – di Claudio Taverna

Sono trascorsi 103 anni dal martirio di Cesare Battisti, giustiziato nella sua Trento, al Castello del Buon Consiglio, il 12 luglio 1916 dagli austriaci, dopo la condanna a morte inflittagli dal tribunale di guerra austro-ungarico, perché da italiano e da uomo libero, aveva volontariamente, coerentemente e coraggiosamente imbracciato le armi contro l'impero dell'aquila bicipite per l'annessione delle province italiane al Regno d'Italia.

I fratelli uniti nella sorte

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Caserma Aldo Li GobbiMonselice, 3 giugno 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Traggo una rinnovata ispirazione, se penso che, negli anni 1982-1987, prestavo servizio,da giovane tenente dell'esercito al Comando Forze Terrestri Alleate Sud Europa- FTASE, a Verona e tra le 6 dislocazioni di quel Comando NATO, ora sede del Comando Supporti Forze Operative Terrestri della Forza Armata, c'e una caserma che è attualmente sede del parcheggio per i dipendenti dell'attuale Comando.

Eroi da non dimenticare: Luigi Sbaiz, medaglia d’oro al v.m.

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Eroi da ricordare Luigi SbaizSergente del Battaglione bersaglieri Goito morì all'ospedale da campo di zona di Poggio Scarno il 20 aprile 1945

Trento, 11 maggio 2019. – di Claudio Taverna

Luigi Sbaiz nacque il 18 maggio 1918 a Muzzana del Turgnano (UD) il 18 maggio 1918. Chiamato alle armi il 5 aprile 1939 presso il 3º Reggimento bersaglieri, partecipò nel 1940, alla Battaglia delle Alpi Occidentali contro la Francia. L'anno successivo venne impiegato sul fronte jugoslavo.

Sulla morte di Italo Balbo pesa il mistero della Storia

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Italo Balbo affascinanteMonselice, 9 maggio 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Sui misteri che aleggiano sulla morte del governatore della Libia, Maresciallo dell'Aria Italo Balbo, il 28 giugno 1940, sopra la rada di Tobruch, alle ore 17.30 circa, colpito a tiro incrociato da più batterie di artiglieria, di terra, ma anche da una sola nave, l'incrociatore San Giorgio, che poi, a guerra finita, ricomposto un clima di pace, i reduci di quell'evento si contesero, non con poca confusione, l'abbattimento del S.M. 79, detto anche "Il Gobbo" o lo "Sparviero" per l'inconfondibile caratteristica che era nota a tutti, non solo come trimotore, ma anche per la particolare e simpatica forma che aveva.

Dal 25 aprile in poi si consumarono crimini indicibili

  • PDF
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 

Eccidio del PiaveMonselice, 1 maggio 2019. - di Adalberto de' Bartolomeis

Tra i tanti episodi che caratterizzarono una stagione di tragedie, terminato il secondo conflitto mondiale desidero rammentare che negli ultimi giorni di aprile del 1945, esattamente il 28, 126 giovani militi dei Btg. "Bologna" e "Romagna" della GNR e 472 uomini della Scuola Allievi Ufficiali di Oderzo della R.S.I. (450 allievi più 22 ufficiali) si arresero al C.L.N. con la promessa di avere salva la vita.

Banner