Dom02232020

Last update04:18:10

Back Cultura e Spettacolo Arte e Cultura Teatro e Mostre Il nuovo museo degli affreschi di Verona

Il nuovo museo degli affreschi di Verona

  • PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Verona, 20 novembre 2015. - di Sergio Stancanelli

Gran folla ma nessun controllo all'inaugurazione

Compie ventidue anni

Flavio Tosi, sindaco di Verona, si dice lieto di invitarmi all'inaugurazione del nuovo museo degli affreschi Cavalcaselle e della sala Giacomo Galtarossa in via Luigi da Porto 5 dove si trova la cosiddetta tomba di Giulietta, propriamente una vasca da bagno in pietra frequentata da foglie cadute dagli alberi o portate dal vento oltre che da cartacce e cicche buttate da taluni dei visitatori. In realtà, alle inaugurazioni il Sindaco non si fa vedere, forse rappresentato dalla direttrice dei musei scaligeri, che mi rimprovera aspramente perché nel salutarla rischio di sfiorare con il lembo estremo della giacca la grande tela (vernice fresca?) posta senza riparo alcuno frammezzo agli invitati su un cavalletto alle mie spalle. O forse confuso - il Sindaco, dico, - tra la folla intervenuta, invero imponente, mentre io, constatato che di quanto dicono i presentatori non si capisce una sillaba, insieme con un'amica e un amico che ho condotti meco, esco a prendermi un caffè. Gli attentati di Parigi son del giorno prima, e un'assenza così motivata delle autorità sarebbe giustificata: sol che venisse detta. Assenti invece son le forze dell'ordine.

A tal proposito, la gente - come detto, - è tanta, e le corrisponde la presenza di numerose hostess, fornite di lineamenti e profili gradevoli: di agenti di polizia né pur l'ombra. Se qualcosa dovesse accadere, l'unica difesa sarebbe – io temo – la 6.35 che mi porto in tasca. Di inviti ne ho ricevuto due, ma all'ingresso né a me né ad altri ne vien richiesto in visione alcuno.

M'attendo che mi si dia un catalogo: quel ch'è disponibile è invece un pieghevole di sei pagine, cinque delle quali dedicate appunto a "Il nuovo museo degli affreschi Cavalcaselle alla tomba di Giulietta" al cui testo, titolato "La magnificenza della Verona dipinta", attingo. Il nuovo museo degli affreschi Cavalcaselle – il perché sia così titolato vien tenuto segreto, – fu aperto nel 1973 per cura dell'allora direttore dei musei civici Licisco Magagnato con opere realizzate nel Medioevo e nel Rinascimento con la tecnica a fresco.

Sede del museo è, ora come allora, l'area dell'ex convento san Francesco al corso, «dove si trova anche la celebere (credo che si volesse dire celebre) tomba di Giulietta», un loculo che venne esplorato una cinquantina d'anni fa per constatare come non contenga assolutamente nulla – ricordo che all'epoca ne diedi resoconto in una cronaca che venne pubblicata dai numerosi giornali cui collaboravo, primo fra i quali "Il secolo d'Italia" di Roma – .

Un nuovo percorso espositivo integra la raccolta. Ad accogliere il visitatore, nel chiostro sono collocate sei statue provenienti dal recinto delle arche scaligere, cui il cronista non riesce a capire il perché siano state sottratte, posto che nulla hanno a che vedere con le opere pittoriche trecentesche esposte nelle sale superiori. Proseguendo, un percorso cronologico consente di compiere un viaggio attraverso i secoli nella città dipinta, partendo dall'anno 996, transitando per il secolo XII, ed approdando al 1364 con i ritratti di imperatori romani affrescati da Altichiero nel palazzo scaligero di Cansignorio, staccati quarantotto anni addietro.

Seguono affreschi della stessa epoca prelevati da santa Eufemia, da santa Felicita e da altre chiese veronesi. Infine un lungo fregio di circa trenta metri raffigura la Cavalcata di Carlo V e Clemente VII in Bologna nel 1530. Prescindendo dal contenuto della mostra, assai serioso quando non opprimente, va segnalata la serena bellezza architettonica e naturale del chiostro, dal pozzo suggestivo e dagli alberi maestosi sovrastanti i tetti delle case. Le fotografie sono state scattate dal cronista.

Il nuovo museo degli affreschi di Verona

Chi è online

 489 visitatori online