Lun11302020

Last update05:37:19

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori

Lettere dei Lettori

Più rispetto per i disabili

  • PDF
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 

Rovereto, 27 luglio 2012. - di Luciana Loner

Caro Direttore, dicevo che veramente comincio a scocciarmi anche di Facebook, da quando è diventato popolare e quotato in borsa, non mi lascia scrivere in santa pace sulla mia home. Dicevo che ieri l'altro come ogni mercoledì ritorno nella mia città natale Trento. Vi avevo anche scritto che rinunciai ai trasporti pubblici perchè in Trentino si fa tanto parlare dell'eccellenza anche quando purtroppo non è così. E molto probabilmente ho anche scritto che preferisco prendere i mezzi speciali così li chiamano in Trentino, i trasporti per le persone disabili. Beh non hanno proprio niente di speciale, questi trasporti, tranne il prezzo. € 185.00 per 2600 Km annui.

de Eccher: 'Manca una politica (e una cultura) della sicurezza'

  • PDF
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 

Trento, 24 luglio 2012. - di Manfred de Eccher

Egregio Direttore, dopo i recenti episodi di guerriglia urbana accaduti a Trento, desidero sottoporre alla Sua attenzione alcune considerazioni. I fatti accaduti in città  non risultano frutto di casaualità, ma dell'assenza di una politica per la sicurezza sia a livello provinciale che comunale. A livello provinciale la legge in materia di Polizia Locale del 2005, una legge positiva nel suo impianto generale, votata anche dalle opposizioni, non ha mai trovato reale attuazione, da un lato per la debolezza di un regolamento attuativo che si è limitato a disciplinare caratteristiche dei veicoli e delle uniformi senza invece occuparsi delle priorità, come l'istituzione di una scuola di formazione, la realizzazione di un ufficio studi e la creazione di servizi speciali come l'unità cinofila, dall'altra per l'assenza di un assessorato specifico alla sicurezza che monitorasse e rendesse effettivi gli obbiettivi della legge.

Ancora sull'area cani di Povo

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Trento, 15 luglio 2012. - di  Diego Bonvecchio

Buongiorno Direttore, mi chiamo Diego Bonvecchio ed abito a Povo.(Provincia di Trento) Erano molti anni che si chiedeva alla Circoscrizione di intercedere con il Comune di Trento per avere anche nel nostro paese un'area per cani attrezzata. Finalmente l'anno scorso, individuata la zona, viene realizzata. Dopo i lavori viene organizzato un sistema di volantinaggio per rendere noto ai numerosi possessori di cani che la struttura era stata aperta. Fin qui tutto bene! Ma veniamo all'area cani. Realizzata sulla vecchia strada che unisce Povo a Oltrecastello l'area non supera una superficie di 100 mq.

Ancora in azione il visionario 'presidente' dei partigiani trentini

  • PDF
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 

Trento, 12 luglio 2012. - di Emilio Giuliana

Caro Direttore, tenuto conto dell'associazione ed i personaggi in questione, attori dello spiacevole episodio "Manci", mai mi sarei sognato di dover intervenire in merito alla vicenda, in quanto disgustato da accadimenti che ritengo strumentali e funzionali solo per chi ha interesse ad amplificarle. Per ist...into, gli episodi di vilipendio e vandalismo che vedono coinvolti i comunisti partigiani locali, mi fanno tornare alla mente il caso del professor Marsiglia accaduto diversi anni fa a Verona, piuttosto che pensare a sciocchi perditempo, vogliosi di pregiarsi di tali bassezze.

Replica a Laurent Viérin

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Aosta, 11 luglio 2012. - di Giancarlo Borluzzi

Caro Direttore, stimo Laurent e Dino Viérin perché combattono coerentemente per le loro idee; sono diversi da Andrea Paron che, pur iscritto a un partito statutariamente dichiarante il primato della persona sulla politica, di fatto sposa la supremazia inversa cavalcata dai Viérin perché in tal modo uno diventa assessore comunale alla cultura (ma solo a quella cara ai Viérin!) anziché rimanere consigliere comunale, con i trattamenti conseguenti. Però non condivido, di Laurent, il suo sostanziale isolarsi, con lo stuolo di suoi simili animati da un fondamentalismo localista che dipinge fantasiosamente quanto c'è attorno per poi calarci la propria ideologia, in un maniero turrito dal quale si rivolge alle masse discettando e deliberando su quanto risulta funzionale alla quintessenza del fondamentalismo stesso: questa si chiama propaganda alla Kim Jong-un, piaccia o meno.

Chi è online

 244 visitatori online