Mer01202021

Last update02:32:50

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Chi di manifesto ferisce, di manifesto perisce!

Chi di manifesto ferisce, di manifesto perisce!

  • PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Manifesto IDVManifesto Lega censuratoCensura CS BrunoCensura Giuseppe Filippin Trento, 12 febbraio 2012. - Caro Direttore, nel lontano febbraio 2009 il Centro Sociale Bruno coprì (foto 3), con la scusante della "reazione all'ennesima provocazione razzista e all'ennesimo messaggio di propaganda dell'odio e della paura" i manifesti leghisti che raffiguravano una piazza Duomo piena di mussulmani che pregavano (foto 02).

Quasi tutti i manifesti della Lega Nord che inneggiavano a una "Trento cristiana, mai musulmana!" furono oscurati con le scritte "Nessuno spazio al razzismo!" e "Il Trentino è di tutti!".

Ne segui una esposto presentata dall'avvocato Claudia Eccher (moglie del senatore Sergio Divina) per la Lega Nord, scaturito in un nulla di fatto e cioè con l'archiviazione del GIP di Trento Marco La Ganga   della denuncia  di diffamazione e di danneggiamento.

In pratica la Lega voleva stabilire che nessuno può esercitare la libertà di pensiero violando il diritto di un altro, ma ignorò le conseguenze, soprattutto politiche, che ne derivarono.

La vicenda perciò sembrava andata nel dimenticatoio .... Anche degli stessi esponenti leghisti, che, questa volta invertendo le parti, si sono messi ad oscurare altri manifesti!

Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te, sembra abbia ora ricordato il consigliere Filippin!

La notizia che il consigliere provinciale della Lega Nord Giuseppe Filippin abbia veramente "oscurato" quel manifesto dell'Italia dei Valori denominato "Scodinzolega"! (foto 4) è fondata.

Detto tra noi, un manifesto veramente ben riuscito, condiviso anche da numerosi esponenti leghisti, ai quali proprio non è andato giù l'appoggio della Lega Nord al divieto dell'arresto di Nicola Cosentino.

In effetti il leader del Carroccio Umberto Bossi non partecipò al voto, mentre Roberto Maroni aveva ribadito il sì all'arresto del deputato Pdl, esprimendo contrarietà alla linea della libertà di coscienza sostenuta dal Bossi.

Una Lega spaccata in due, da una parte la base e dall'altra i quadri del partito.

Che dire ???? Se per Filippin è stato un "gesto riparatore contro un immagine di cattivo gusto" vi è da dire che ultimamente la Lega si deve preoccupare da ben altre immagini di cattivo gusto.

Forse l'IDV ha veramente colpito nel segno!

 

Ezechiele Lupo

Chi di manifesto ferisce, di manifesto perisce!

Chi è online

 317 visitatori online