Lun10182021

Last update07:34:27

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori I danni non riparabili delle sentenze tardive

I danni non riparabili delle sentenze tardive

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 25 settembre 2021. - di Giannantonio Radice

Egregio Direttore,  voi pensate che dopo la sentenza della Corte d'Assise di Palermo di assoluzione dei generali Mario Mori e Antonio Subranni, di Marcello Dell'Utri, di Giuseppe De Donno , dopo quella avvenuta nel recente passato di Calogero Mannino e dopo le sconcezze emerse circa il disegno architettato e messo in atto per condannare Silvio Berlusconi, una certa parte della Magistratura, una gran parte della sinistra e dei grillini (tutti ben supportati dai vari moedia-leader della stampa schierata) farà una piega? Magari con un piccolo atto di autocritica, pentimento o scusa?

Illusi!

Continueranno, tutti, imperterriti nei loro usuali comportamenti nella consapevolezza che, "passata a nuttata" tutto sarà come prima. I minoritari, numericamente parlando, ma decisivi nel loro agire politico, giudici, manterranno, dall'alto della loro impunità, i privilegi di sempre servendosi della propria autonomia riproponendo sistemi autoritari, arroganti e sprezzanti colpendo il nemico di turno; Travaglio continuerà a servirsi dei suoi mezzi di comunicazione per spargere ulteriori veleni e odio; si tratterà solo di trovare il bersaglio, ma il suo magazzino è immenso; Lilli Gruber allestirà il solito salotto monocolore con, saltuariamente, qualche ospite dell'ala opposta salvo bloccarlo e censurarlo se osa esprimere qualche giudizio che potrebbe scalfire la opinione sua e della parte per la quale sfacciatamente tifa; i vari politici si sinistra non si stancheranno, in assenza di argomentazioni politiche degne di questo nome e in presenza di disaffezione del proprio popolo, di lanciare proclami sull'imminenza del ritorno al fascismo, salvo poi rendersi interpreti autentici dei loro sistemi assumendo, nelle metodologie (fortunatamente senza risvolti di cruda violenza) comportamenti passivi e attivi al fine di annientare i propri nemici (non avversari!) politici.

In questo surreale ma...reale contesto rimangono, ormai incancellabili e non più riparabili, a carico delle vittime che ora escono pulite e innocenti, anni e anni di umiliazioni di ogni tipo, dalla carcerazione all'allontanamento della vita civile, sociale e di carriera.

"Alla fine la Giustizia vince sempre".. cercheranno di somministrarci i soliti ipocriti, mentre il loro retro pensiero li spinge a provare compiacimento per il risultato scorretto e illegale, ma immediato, a suo tempo ottenuto e che ha permesso la conquista di un potere che dura ormai da quasi dodici anni.

L'Europa stessa è scandalizzata ormai da tempo dal nostro sistema giudiziario; ci sta chiedendo ragione di quanto accade e pretende provvedimenti. Qualche passo in avanti si sta facendo, ma le anomalie e soprattutto i danni provocati da una mala giustizia in mano a poche ma emblematiche persone, hanno ancora bisogno di un bisturi che incida in modo ancora più deciso e profondo. Si faccia presto.

I danni non riparabili delle sentenze tardive

Chi è online

 181 visitatori online