Mar05172022

Last update06:35:45

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Il neo di un pur bravo presidente

Il neo di un pur bravo presidente

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 24 gennaio 2022. - di Giannantonio Radice

Egregio Direttore, distratti e coinvolti dalle vicende legate all'elezione del nuovo Capo dello Stato, dibattiti e commenti relativi alla conclusione del settennato di Sergio Mattarella sono stati solo frettolosamente toccati senza approfondire i numerosi episodi che hanno caratterizzato il periodo che a giorni si conclude.

Non v'è alcun dubbio che l'uscente presidente della Repubblica rimarrà nella nostra mente come uno dei più apprezzati e positivi garanti delle Istituzioni impegnato in un lasso di tempo fra i più tormentati e difficili della storia della nostra Nazione. Le fortissime tensioni che si sono create, le altalenanti e sconcertanti variazioni di Governo succedutesi, hanno messo a dura prova la pazienza e la naturale pacatezza di Mattarella, ma la sua innata qualità fatta di mediazione e signorilità non disgiunta da nervi saldi e rigore, lo hanno portato ad assicurare una guida sicura alla pur rabberciata Nave Italia. Non c'è da meravigliarsi, pertanto, che il suo desiderio di ritirarsi ad una vita più tranquilla e serena risulti inattaccabile da ogni tirata di giacchetta.

Ma su uno dei piatti della bilancia del consuntivo finale va anche posto ciò che non è andato nel verso giusto.

E ciò su cui è mancato ha interessato un settore non da poco; la Giustizia. La funzione, che costituzionalmente (art.104) gli deriva dall'occupare la carica più alta dello Stato e cioè quella di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, non è stata da lui esercitata in maniera efficace e completa come gli eventi suggerivano. E' pur vero che la prassi vuole il conferimento ,in delega, dei poteri al vice -Presidente, ma è altrettanto vero che, scoperchiatosi il vaso di Pandora, in presenza degli scandali e delle sconcertanti anomalie legate a comportamenti e metodi nella gestione della Giustizia "tout court" da parte di un settore dei Magistrati , la sua presenza forte e autorevole doveva essere non solo necessaria ma anche fortemente voluta. Invece abbiamo assistito a dichiarazioni scarne e rare ispirate solo ad un dovuto compitino senza l'assunzione di quei provvedimenti che sarebbero stati necessari e che avrebbero fatto sentire tutti noi cittadini davvero protetti, garantiti e resi consapevoli che la Giustizia è "uguale per tutti". Purtroppo Sergio Mattarella in questo è mancato e, nell'ultimo atto istituzionale, l'aver avallato, ai vertici del csm due magistrati la cui elezione era stata annullata dal Consiglio di Stato per... evidenti errori e aver poi partecipato alla inaugurazione dell'anno giudiziario alla presenza del relatore "rieletto" due giorni prima Presidente, lascia molto amaro in bocca in quanto lascia una macchia che davvero non merita.

Il neo di un pur bravo presidente

Chi è online

 171 visitatori online