Dom12042022

Last update05:38:14

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Cucciolo di capriolo soppresso, perché il centro di recupero faunistico di Casteller è stato chiuso

Cucciolo di capriolo soppresso, perché il centro di recupero faunistico di Casteller è stato chiuso

  • PDF
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Trento, 16 ottobre 2022. – di Chiara Tomasi

Egregio Direttore, ieri sabato 15 ottobre, nelle campagne di Marani, zona di Ala, ho trovato mamma e cucciolo di capriolo feriti. Ho chiamato la guardia forestale che a sua volta ha chiamato il veterinario. Secondo loro sono stati investiti nella notte..... a causa delle gravi ferite riportate la mamma è stata soppressa.

Quello che ci ha rattristato di più è che hanno dovuto sopprimere anche il cucciolo, che aveva ferite guaribili in poco tempo, perché il Trentino è l'unica regione d'Italia che non ha un centro di recupero faunistico. Infatti nel 2020 hanno chiuso il Centro Casteller e non è stato più aperto. Allora abbiamo provato con la guardia forestale e il veterinario a chiedere di portare il cucciolo nel centro di recupero più vicino fuori regione, ma ci hanno rifiutato tutte le richieste.

Scrivo al vostro giornale per portare all'attenzione, che non è possibile sopprimere un animale che se curato potrebbe vivere solo perché non si è più aperto un centro e non danno nemmeno la possibilità di spostarlo fuori regione . Inoltre dal 31 dicembre di quest'anno chiuderanno anche il Centro recupero per gli uccelli e i rapaci.

Cucciolo di capriolo soppresso, perché il centro di recupero faunistico di Casteller è stato chiuso

Chi è online

 658 visitatori online