Dom02052023

Last update05:11:29

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Il Governo italiano adotti più autorità, più fermezza con Bruxelles per gli sbarchi clandestini

Il Governo italiano adotti più autorità, più fermezza con Bruxelles per gli sbarchi clandestini

  • PDF
Valutazione attuale: / 22
ScarsoOttimo 

Monselice, 12 novembre 2022. - di Adalberto de' Bartolomeis

Caro Direttore l'Italia viene invitata, quasi perentoriamente, ad accogliere "chiunque" voglia venirci dalle sponde africane che si affacciano sul bacino del Mediterraneo e provenendo, pure, dall'Oriente, dai Paesi asiatici, perché queste sarebbero le leggi del mare, unite a Trattati vari ed "accordi" adottati.

I primi ad avvallare, pienamente, il diritto all'accoglienza ed il dovere da parte dello Stato italiano, che ha l'obbligo di osservarlo, nientemeno si tratti, per legge, di un inviolabile principio di solidarietà, sono i nostri magistrati, per i quali si è visto come agiscono...La giustizia pone un ALT, per cui fermi tutti e così da questo problema non è difficile pensare che non se ne uscirà mai fuori, dico io. Anzi: si è visto di recente cosa sia avvenuto...

A tutto ciò si aggiunga il più totale menefreghismo di Bruxelles e non solo della Francia o di qualche altra Nazione che é solo capace di fare la voce grossa con il nostro Stato, perché è semplicemente pavida ed ipocrita. Sono tutti i 27 Stati membri dell'UE che si devono fare carico di un fenomeno umano che, primo, è diventato rovente da un punto di vista politico; secondo lo è diventato da un punto di vista sociale, con tutti gli annessi e connessi attinenti alla cosiddetta accoglienza e terzo, riflette un pesantissimo problema economico perché gli afflussi dei migranti costituiscono una miriade di situazioni legate al loro inserimento che per inserimento si intende piena integrazione.

Quest'ultima non esiste proprio. Allora il governo italiano denunci, per l'appunto, un atteggiamento di pura ipocrisia che appartiene, lo ripeto, all'intera Europa dei 27, facendo appello alla sua adesione, che mi sembra serva soltanto quando faccia comodo, alla Corte Europea dei diritti dell'uomo (CEDU). Inizi ad applicare solo le leggi nazionali sulle migrazioni regolari, lasciando in mezzo al mare altri che ormai si sa: giungono con le famigerate ONG immortalate da, ormai, "più che eloquenti" video che le riprendono a trattare con chi?

Con gli scafisti. Pertanto che incomincino a vedersela gli Stati facenti parte dell'UE, TUTTI, nessuno escluso, in particolare Malta, che non è esente dal doversi sobbarcare questo strazio umano che affligge da anni chi si è fatto, invece, carico di essere sensibile, l'Italia, quasi fosse un Paese "missionario", per un fenomeno sociale e demografico, purtroppo, in incremento. Potrei convincermi che il traffico finirebbe in 15 giorni.

Il Governo italiano adotti più autorità, più fermezza con Bruxelles per gli sbarchi clandestini

Chi è online

 138 visitatori e 1 utente online