Gio01282021

Last update03:45:54

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Stop al furto legalizzato delle pensioni di reversibilità

Stop al furto legalizzato delle pensioni di reversibilità

  • PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

No DiniPieve di Bono, 11 settembre 2012. - di Irma Maestri

Caro Direttore, sono una delle tante vedove alle quali la Legge 335/95 art.1 comma 41 con annessa tabella F, meglio conosciuta come Legge Dini sui superstiti, ha ridotto la pensione di reversibilità dal 60% al 30%, perché sono colpevole di svolgere un lavoro regolare che mi impone di pagare contributi ed imposte. Dall'entrata in vigore della suddetta Legge tutti i superstiti, vedove/i e orfane/i, possessori di un modesto reddito da lavoro o pensione, subiscono decurtazioni tra il 25 e il 50% della pensione di reversibilità. Faccio un esempio concreto: se la persona deceduta godeva di una pensione di 1500 euro al mese maturata attraverso contributi realmente versati, la moglie superstite, lavoratrice o pensionata, con un reddito mensile di circa 1700 euro netti, percepirà una pensione di 450 euro anziché di 900 euro (il 50% del 60%).

E' uno scandalo, proprio per il fatto che la pensione maturata dal marito era per contributi effettivamente versati, i quali sono costati sacrifici non solo al deceduto, ma all'intera famiglia.

Così, oltre al grande dolore per la perdita del marito/moglie, padre/madre, si aggiunge l'umiliazione dell'applicazione del provvedimento legislativo, penalizzante dal punto di vista economico e mortificante per l'aspetto dell'ingiustizia che rappresenta.

Il provvedimento lascia intravedere oggettivamente dei principi di incostituzionalità dettati dalla mancata gradualità delle aliquote e dall'assenza di franchigia per coloro che superano la modesta somma corrispondente a tre volte il trattamento minimo di pensione.

Pertanto, oltre ad un'appropriazione indebita da parte dell'Ente Pubblico, il provvedimento viola i principi fondamentali della costituzione, in particolare l'art.3 (la legge è uguali per tutti) e art.53 (il sistema tributario è informato a criteri di progressività).

Faccio appello a tutti i superstiti e NON a sottoscrivere la mia petizione affinchè la Legge Dini sui superstiti venga modificata osservando i principi Costituzionali, quindi garantendo che tutti siano beneficiari di una quota esente e che le decurtazioni vengano applicate in modo graduale.

 

Irma Maestri

Stop al furto legalizzato delle pensioni di reversibilità

Chi è online

 120 visitatori online