Trentino Trasporti licenzia i dipendenti accusati di peculato

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

ConvoglioTN-MALETrento, 3 febbraio 2014. – di Paolo Serafini

Caro Direttore, "Abbiamo un codice di disciplina aziendale che prevede il licenziamento nel caso in cui vengano accertati reati come il peculato. Naturalmente, per poter procedere occorre una sentenza di condanna. Quindi queste persone in teoria rischiano il licenziamento proprio per questo motivo, ma questo si potrà dire solo all'esito del processo penale. Adesso è prematuro". Queste le dichiarazioni apparse sul Trentino del 28 novembre scorso del Direttore Generale di Trentino Trasporti Dott. Mauro Allocca. Una posizione illegittima considerato il fatto che l'Art.66 del C.C.N.A preveda in tale caso il licenziamento senza preavviso.

Una dichiarazione che, giustamente, e alla luce del licenziamento in tronco del sottoscritto, senza che nessuna sentenza fosse stata emessa, innescò proteste sia dei cittadini che forze di opposizione in consiglio provinciale che non mancarono di presentare interrogazioni in merito alle quali, è dato sapere, nessuna risposta è stata data.

Una risposta invece è arrivata qualche giorno fa e nel più totale silenzio mediatico da Trentino Trasporti che in barba allo sbandierato codice di disciplina aziendale ha licenziato i soggetti rei confessi indagati.

Un atto dovuto, leggeremo forse tra qualche giorno. In quanto ci ha pensato il sottoscritto ad informare i media. Vi sembra forse giusto che al sottoscritto abbiano dedicato pagine e pagine intere per un qualcosa di ridicolo dal punto di vista lavorativo e a chi effettivamente si è macchiato di un reato penale peggiore quale è l'appropriazione indebita di denaro e la duplicazione di titoli di viaggio (peculato) passasse nel silenzio?

La mia tenacia nel denunciare pubblicamente sui media gli illeciti aziendali del caso e le interrogazioni in consiglio provinciale della Lega Nord hanno così fatto smuovere gli arrugginiti piatti della bilancia giustizialista aziendale facendoli pareggiare. Giustizia è stata fatta!

Trentino Trasporti licenzia i dipendenti accusati di peculato