Sab08152020

Last update07:06:23

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Maffioletti: "Riforma dei vitalizi, il PATT ha servito la brodaglia...."

Maffioletti: "Riforma dei vitalizi, il PATT ha servito la brodaglia...."

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Trento, 6 luglio 2014. - di Gabriella Maffioletti

Egregio Direttore, invio questo mio intervento a seguito della votazione avvenuta in Consiglio Provinciale sulla manovra dei vitalizi. Ringrazio per l'attenzione e la disponibilità alla pubblicazione e auguro una serena domenica.

Lo scandaloso epilogo della votazione farsa sulla "telenovela" Gli obiettivi principali erano il ricalcolo a parametri corretti delle anticipazioni, l'elevazione dell'età pensionabile, l'introduzione di un fondo dedicato per la destinazione a fini sociali delle somme recuperate, la modifica del sistema previdenziale dei consiglieri attuali e futuri, la fine del ruolo pensionistico della Regione TAA per i consiglieri di questa e delle prossime legislature.

Invece si è dopo una lunga come sempre improduttiva "farsa" prodotto una sostanziale brodaglia che salva come sempre i diritti acquisiti e la casta dei privilegiati, a danno e scapito delle future generazioni e dei cittadini lavoratori in generale. E' stata l'ennesima prova muscolare dei numeri e degli "inciuci" di un governo di maggioranza con anime agli antipodi che trovano il collante solo per mantenere i loro diritti acquisti e le loro posizioni "principesche" in un feudo dove ormai i cittadini sono sempre più vassalli, tristi e rassegnati.

Il partito autonomista guidato da Ugo Rossi ha fatto capolino sulla tanto attesa riforma della casta dei politici. Loro che per antonomasia si reputano i "salvatori" della nostra autonomia hanno dato davvero un esempio mirabile di valorialità e di etica unendosi nel melting-pot con PD e UP per evitare l'ostruzionismo e andare a votare una vera "melassa". Manine alzate in aula come bravi scolaretti obbedienti al maestro a salvaguardare i preziosi "orticelli" dove ancora per un loro si possa coltivare la linfa vitale irrogata dal denaro e delle pensioni d'oro!

Ecco è esattamente questo spettacolo della politica che ci fa sfigurare anche noi che siamo lontani anni luce da questo modo di praticare la politica come un canale di ricchezza e di opportunismo. Questo spettacolo personalmente mi indigna e reclama vergogna davanti alle migliaia e di situazioni di indigenza ingenerata dalle avversità del momento economico difficile in cui vivono tantissime nostre famiglie trentine ormai, davanti all'esodo forzato dei nostri giovani che espatriano in cerca di un lavoro che li gratifichi e li permetta di costruire basi solide per un futuro e di tutta quella fetta di società del mondo della libera imprenditoria ormai sempre più ampia che ne ha piene le tasche di essere "munti" anche per favorire le rendite di costoro.

Forse bisognerebbe ritornare ai tempi dello Statuto Albertino per ritornare ad un mondo in cui la politica possa epurarsi di tutta questa evidente stortura di livelli economici e di posizioni acquisite che, guarda caso, sono state difese con le unghie e con i denti proprio dalla maggioranza di centrosinistra a parole e nei programmi elettorali tanto inclini a fare i "frati francescani" per tutelare l'interesse dei propri elettori e della nostra amata terra natia.

* consigliere comunale di Trento

Maffioletti:

Chi è online

 257 visitatori online