Dom01242021

Last update09:13:26

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Cacciatori di ...... frodo, una vergogna

Cacciatori di ...... frodo, una vergogna

  • PDF
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Trento, 7 novembre 2014. - lettera firmata

Egregio Direttore, domenica scorsa, 2 novembre 2014, in Val di Non sono stati beccati due "cacciatori", o meglio bracconieri della riserva di caccia di Tassullo, che oltre ad aver ucciso un capriolo maschio (specie che non è possibile abbattere in questo periodo) detenevano ben 64 capi di ungulati (cervi, caprioli e camosci) abbattuti illegalmente... Inoltre in un freezer è stato trovato un esemplare di Gallo Forcello, anch'esso d'illegale provenienza. Trovate in internet sul sito della provincia il comunicato stampa.

Beh... quello che vi chiedo, oltre a far girare la notizia sui social perché è giusto che tutti sappiano di che individui sono composte le "pregiate" e politicizzate organizzazioni di caccia trentine, è di condividere, se lo ritenete necessario, il fatto che segue: la Provincia di Trento durante una tutt'altro che facile operazione di cattura di un orso problematico ha erroneamente ucciso l'Orsa Daniza. Per tale fatto, che ritengo triste e sfortunato, molte impreparate e poco informate associazioni animaliste provenienti da mezza Italia hanno sollevato un polverone senza precedenti, offuscando il Trentino e l'operato più che professionale dei forestali e tecnici trentini.

Diversamente, per dei bracconieri che, presi in flagrante a uccidere ed occultare un animale di cui la caccia è chiusa, scoperti a detenere illegalmente 64 capi di animali, un gallo forcello ecc.... non mi dilungo, nessuno dice nulla, zittiti dalle diverse associazioni cacciatori che potentemente comandano e gestiscono l'illegale gestione della fauna selvatica in provincia.... Grazie e scusate per lo sfogo.

Cacciatori di ...... frodo, una vergogna

Chi è online

 106 visitatori e 1 utente online