Dom01242021

Last update06:16:41

Back Home News Rubriche Lettere dei Lettori Cimitero senza parcheggi, la protesta dei cittadini

Cimitero senza parcheggi, la protesta dei cittadini

  • PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

No parcheggi al cimiteroTrento, 31 ottobre 2015. - di Gabriella Maffioletti

Caro Direttore, ieri mi sono recata a far visita alla buona anima del mio defunto papà, come da tradizione per chi come me è di fede cristiana, rispondendo ad un rito della consolidazione delle consuetudini che precedono la Cerimonia ecclesiastica di commemorazione dei defunti.

Era notorio che il parcheggio pertinenziale del Cimitero di Trento è oggetto dei lavori di cantierizzazione per la messa in opera del forno crematorio e la relativa sala del commiato ma presupponevo che per dare accoglienza ai moltissimi visitatori di questi giorni, il sindaco e l'assessore competente avessero dato incarico ai tecnici amministrativi del servizio urbanistica di predisporre una congrua area comunale nelle strette vicinanze al fine di dare quel decoro e quell'accoglienza al parco macchine dei visitatori: povera illusa!

Se ieri la situazione era di totale confusione e di rabbia per l'assenza di un qualsiasi stallo di parcheggio pubblico non oso pensare cosa sarà nella giornata topica della Cerimonia e quanti visitatori saranno costretti a peregrinare intorno al perimetro in cerca di uno spazio a questo punto a pagamento. La amministrazione pubblica non ha per esempio in maniera oculata previsto minimamente di restringere lo spazio comunale antistante l'entrata al Cimiterio di via Giusti occupata dai rivenditori ambulanti di piante decorative per le tombe dei defunti dato che la logica che sottende chiaramente è quella della monetizzazione qualsiasi evento e ricavarne dall'occupazione dello spazio pubblico il massimo degli introiti per le casse comunali.

E dato che la situazione reale porta a pensare ciò in questo frangente il governo cittadino non ha avuto alcun riguardo neanche per un periodo topico quale è quello del precetto della festa cristiana dei Defunti. Ai cittadini, oborto collo, non rimane che una unica soluzione per il problema parcheggio ossia far ricorso alle aree private (Liceo da Vinci, parcheggi blu di via Taramelli ecc). E dato che non ci si fa mancare mai nulla in ordine al caos e al pressapochismo che dilaga, sul lato opposto dell'area cimiteriale sono in corso i lavori pubblici per la sistemazione del marciapiede che contribuisce a creare intasamenti e code.

Concludendo le considerazioni ed i rimarchi, assunto il dato, non si può negare che questo governo cittadino del sindaco Andreatta anche in questa situazione del tutto governabile con una dose di pragmatismo e di buon senso, abbia perso un'altra volta l' occasione per dimostrare attenzione ai bisogni reali dei cittadini nonché una quasi totale assenza di sensibilità nei confronti delle persone che in questi giorni vogliono dedicare tempo ai loro cari defunti ma che sicuramente per farlo dovranno già trovarsi a fare i conti con il parcheggio della vettura.

Un segnale davvero di efficienza della pubblica amministrazione che poco, per non dire nulla, ha operato per diminuire ii disagi e offrire una alternativa di parcheggio pubblico adeguato alla accoglienza dei flussi veicolari. Un atto ritengo davvero squalificante per il nostro comune capoluogo dato che è compito della pubblica amministrazione governare gli eventi e sapere pianificare sia la fase di accoglienza che quella di arrivo dei visitatori. A dare risposte, in modo goffo e impacciato, ai cittadini davvero insofferenti per la situazione, ieri, vi erano due disorientati vigili urbani che, loro malgrado, sono stati capro espiatorio di tanta disorganizzazione.

Cimitero senza parcheggi, la protesta dei cittadini

Chi è online

 205 visitatori online